menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il coraggio di aprire un nuovo ristorante in piena pandemia, arriva "Oh! Modena"

Pier Laritonda inaugura un nuovo locale in viale Barozzi, per scacciare i fantasmi della crisi

Il 2020 ha segnato profondamente le attività di ristorazione, ma il coraggio è ancora nel dna degli imprenditori: per questo nel giugno scorso Pier Laritonda, ristoratore di lunga data, ha intrapreso una nuova avventura a Modena in viale Barozzi e ha aperto “Oh! Modena”. Laritonda è molto fiero del proprio progetto e affronta questo difficile periodo con tutta la grinta possibile: “L’anno appena passato è stato veramente duro. Ormai sembra una frase banale, ma posso dire che nel momento più difficile ho deciso di realizzare un sogno, proprio perché i sogni ci permettono di non mollare mai e ci danno una spinta in più a perseverare e ad andare avanti per costruire valore”.

Un sogno che è diventato realtà con il locale “Oh! Modena”, una vera scommessa vinta per un ristoratore che lavorava nella grande ristorazione. Laritonda, infatti, lascia il proprio ruolo lavorativo in pieno lockdown: la voglia di mettersi in gioco ha vinto ogni paura. Le parole d’ordine per il nuovo ristorante, secondo il titolare, sono “intimità e ottima cucina”.

Passione e voglia di innovazione caratterizzano lo staff del ristorante. Il menu è molto vario e crea connubi moderni, sempre con attenzione alle materie prime, che mettono in tavola preparazioni vivaci e dai nomi accattivanti. Una proposta per tutti i palati: hamburger gourmet anche per vegetariani, carne bbq di alta qualità, pizze con impasti a lunga lievitazione (classiche e rivisitate), e altro ancora.

La situazione di emergenza sanitaria che coinvolge l’intero Paese non permette di gustarsi totalmente l’esperienza: la classica cena in famiglia, tra amici o colleghi è al momento vietata. Questo non ferma però la voglia di gustarsi un buon piatto e “Oh! Modena” ha cavalcato subito l’opportunità di asporto e delivery. Un occhio di riguardo anche per il personale sanitario, che avrà il 20% di sconto.

Il futuro? “Ci auguriamo tutti di riprendere al più presto a lavorare in modo normale, continuato e remunerativo, con la consapevolezza che la ristorazione ha subito un cambiamento epocale che in parte resterà. Nonostante il difficile momento non ho mai smesso di investire e infatti a breve avremo anche altre novità per la città di Modena e mi auguro un’estate serena per me e per tutti i miei colleghi ristoratori”, conclude il titolare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 1.151 nuovi positivi in regione. Modena prima provincia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento