rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
Economia Jacopo Barozzi / Viale Barozzi

Il coraggio di aprire un nuovo ristorante in piena pandemia, arriva "Oh! Modena"

Pier Laritonda inaugura un nuovo locale in viale Barozzi, per scacciare i fantasmi della crisi

Il 2020 ha segnato profondamente le attività di ristorazione, ma il coraggio è ancora nel dna degli imprenditori: per questo nel giugno scorso Pier Laritonda, ristoratore di lunga data, ha intrapreso una nuova avventura a Modena in viale Barozzi e ha aperto “Oh! Modena”. Laritonda è molto fiero del proprio progetto e affronta questo difficile periodo con tutta la grinta possibile: “L’anno appena passato è stato veramente duro. Ormai sembra una frase banale, ma posso dire che nel momento più difficile ho deciso di realizzare un sogno, proprio perché i sogni ci permettono di non mollare mai e ci danno una spinta in più a perseverare e ad andare avanti per costruire valore”.

Un sogno che è diventato realtà con il locale “Oh! Modena”, una vera scommessa vinta per un ristoratore che lavorava nella grande ristorazione. Laritonda, infatti, lascia il proprio ruolo lavorativo in pieno lockdown: la voglia di mettersi in gioco ha vinto ogni paura. Le parole d’ordine per il nuovo ristorante, secondo il titolare, sono “intimità e ottima cucina”.

Passione e voglia di innovazione caratterizzano lo staff del ristorante. Il menu è molto vario e crea connubi moderni, sempre con attenzione alle materie prime, che mettono in tavola preparazioni vivaci e dai nomi accattivanti. Una proposta per tutti i palati: hamburger gourmet anche per vegetariani, carne bbq di alta qualità, pizze con impasti a lunga lievitazione (classiche e rivisitate), e altro ancora.

La situazione di emergenza sanitaria che coinvolge l’intero Paese non permette di gustarsi totalmente l’esperienza: la classica cena in famiglia, tra amici o colleghi è al momento vietata. Questo non ferma però la voglia di gustarsi un buon piatto e “Oh! Modena” ha cavalcato subito l’opportunità di asporto e delivery. Un occhio di riguardo anche per il personale sanitario, che avrà il 20% di sconto.

Il futuro? “Ci auguriamo tutti di riprendere al più presto a lavorare in modo normale, continuato e remunerativo, con la consapevolezza che la ristorazione ha subito un cambiamento epocale che in parte resterà. Nonostante il difficile momento non ho mai smesso di investire e infatti a breve avremo anche altre novità per la città di Modena e mi auguro un’estate serena per me e per tutti i miei colleghi ristoratori”, conclude il titolare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il coraggio di aprire un nuovo ristorante in piena pandemia, arriva "Oh! Modena"

ModenaToday è in caricamento