Dal gruppo Facebook ad un portale web, il successo di Modenaadomicilio.it

Il nuovo portale, lanciato mercoledì scorso e collegato all’omonimo gruppo Facebook attivo da oltre un mese, sta aiutando le attività commerciali, artigianali e soprattutto della ristorazione, a resistere alla crisi causata dall’emergenza sanitaria in corso

E ‘attivo da poco più di un mese su Facebook il gruppo “MODENA A DOMICILIO” e conta già oltre 10.000 iscritti che spontaneamente hanno scelto di aderire e lo animano e frequentano quotidianamente. Il gruppo è nato da un’idea di Maja Argenziano, titolare di Ideas4u, agenzia modenese di comunicazione e marketing territoriale. Dopo il consolidamento del gruppo è stata progettata una sua estensione in un portale web dedicato all’informazione commerciale del territorio, che conta già 15.000 visualizzazioni in 72 ore di vita sul web.

"Il feedback è ottimo e tutte le tipologie di attività commerciali e artigianali stanno aderendo, adeguando la loro offerta al periodo e inventandosi di tutto per resistere e continuare a lavorare - spiega Maja Argenziano - molte attività hanno anche capito che il commercio digitale è un modo per raggiungere un target più ampio e per accrescere la propria riconoscibilità nel mercato di riferimento e stanno facendo quello che i grandi colossi delle vendite online modello “Amazon” fanno da anni, con un vantaggio: la flessibilità nel servizio. Tutti stanno comprendendo che dagli strumenti web e social, per la propria promozione, non si può più prescindere. Le piccole attività commerciali o di ristorazione hanno poi scoperto o riscoperto l’importanza della profilazione della clientela, del rapporto col cliente e del servizio di qualità".

"L’impressione è quella di una realtà commerciale e artigianale che non ha mai smesso di lavorare per sopravvivere alla crisi conseguente alla emergenza sanitaria in corso e che ha una grandissima volontà e passione per il lavoro. Anche il settore della ristorazione, con le sue molteplici declinazioni, colpito duramente  come quelli dell’abbigliamento o dei servizi alla persona, sta cercando di “rimanere in piedi”, con la consegna a domicilio e il take away, nella consapevolezza che anche quando avverrà la ripresa, non sarà semplice e per un po' di tempo non si tornerà sicuramente alla normalità pre Covid19; probabilmente ci sarà anche chi strutturerà in modo permanente un servizio di delivery o take away, come fanno già tante realtà che si avvalgono poi dei riders per la consegna a domicilio, ade esempio".

Al portale stanno aderendo attività di tutti i settori merceologici e della ristorazione, oltre a tanti artigiani; vengono promossi i mercati cittadini che fanno consegne a domicilio come lo storico mercato cittadino Albinelli, i produttori agricoli, chi fa servizio di spesa completa, la formazione online, i servizi alla persona ed i servizi di manutenzione, fino alla mobilità elettrica e sostenibile. Tutta l’informazione è organizzata in categorie e ogni attività ha un suo spazio dedicato con immagini, informazioni, contatti con collegamento diretto, canali social, etc e gli aggiornamenti sono costanti, così come la richiesta di adesione. Ovviamente lo spazio coinvolge anche chi era già strutturato con e-commerce o consegne, come le cantine e le acetaie del territorio, o chi fa anche vendita di prodotti solo in online.

Lo strumento più utilizzato per gli ordini è Wathsapp, seguito dal telefono e dai siti internet. Grazie al gruppo Facebook collegato al portale è attivo anche un sistema indiretto di recensione e monitoraggio e valutazione della affidabilità degli esercenti e del rispetto delle norme igienico sanitarie, con i feedback costanti di chi racconta la sua esperienza e in generale le esperienze sono per lo più positive e soddisfacenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento