rotate-mobile
Economia

Proroga tasse alle imprese terremotate, pressing sul Governo

Le istituzioni modenesi assecondano le rivendicazioni di Rete Imprese, ma per ora da Roma non giungono segnali confortanti. Gli imprenditori chiedono di spostare di un anno il termine per rimborsare il finanziamento ricevuto dopo il 2012

Le imprese dell'area del sisma 2012 chiedono la proroga di un anno del rimborso del finanziamento delle imposte e la dilazione di quest'ultimo in cinque anni rispetto agli attuali due? Dicono sì – per quanto non di loro competenza - il sindaco e presidente della Provincia, Gian Carlo Muzzarelli, il prefetto Michele Di Bari e il presidente della Camera di commercio, Maurizio Torreggiani. 

Rete imprese Italia, dopo aver inoltrato la richiesta alla presidenza del Consiglio e al ministero dell'Economia, ha incontrato ieri i tre amministratori ricevendo un sostanziale via libera. La richiesta della dilazione è giustificata, dice Cna Modena che al momento coordina Rete imprese, dal limitato numero di aziende (oggi fermo al 9%) che hanno ricevuto l'integrale versamento dei contributi per la ricostruzione. A proposito dei tempi della ricostruzione, Muzzarelli ha ricordato ieri alle associazioni il ruolo delle regole, "da non confondersi con la burocrazia", nelle indagini rispetto alle infiltrazioni malavitose, sottolineando la portata del sistema "Sfinge" in termini di trasparenza nell'erogazione di fondi pubblici.

Il prefetto, da parte sua, ha elogiato il lavoro delle associazioni assicurando "tutto l'appoggio necessario" affinchè, ha chiarito Di Bari, le proposte avanzate possano trovare gli interlocutori giusti negli uffici dei ministeri. Torreggiani, tra l'altro, ha ribadito "la necessita'" di una legge nazionale sulle calamita' naturali proprio "per non doverci mai più trovare nella situazione in cui ci si e' trovato il nostro territorio dopo il terremoto". (DIRE)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proroga tasse alle imprese terremotate, pressing sul Governo

ModenaToday è in caricamento