"Un fisco più equo", progetto CIsl per una legge di iniziativa popolare

Presentate oggi a Modena le proposte della Cisl "Per un fisco più equo e giusto". Bonus di mille euro annui per tutti i contribuenti con reddito individuale fino a 40 mila euro. Parte la raccolta firme

Bonus di mille euro, nuovo assegno familiare, un'imposta sulla grande ricchezza netta, fiscalità locale al servizio del cittadino, riduzione dell’evasione fiscale. Sono i punti principali del progetto di legge di iniziativa popolare per una riforma del fisco. L’iniziativa è della Cisl, che ha lanciato una grande campagna nazionale per la raccolta di un milione di firme a sostegno del progetto di legge.

«Vogliamo spingere il governo ad adottare una riforma del sistema fiscale per cambiare il Paese – afferma il segretario provinciale Cisl William Ballotta - I tempi della politica non sono compatibili con l'aumento dei disoccupati, dei giovani esclusi dal lavoro, dei nuovi poveri. Dopo sette anni di crisi, servono risposte certe, immediate e concrete, altrimenti si rischia di alimentare il conflitto sociale che è già a livelli di guardia. La crescita deve ripartire, noi della Cisl riteniamo necessario il rafforzamento dei redditi di lavoratori e pensionati e la ripresa dei consumi».

La Cisl propone l'introduzione di un bonus di mille euro annui per tutti i contribuenti con reddito individuale fino a 40 mila euro e un bonus di ammontare ridotto e, via via, decrescente per chi ha redditi compresi tra 40 e 50 mila euro. «L’obiettivo – spiega Ballotta - è allargare l’azione in parte avviata con gli 80 euro del governo, ampliando la platea dei beneficiari». La Cisl chiede di ripensare il fisco per la famiglia con una maggiore equità distributiva e l'introduzione di un nuovo assegno familiare che superi, accorpandoli, gli attuali assegni familiari e le detrazioni per i figli e per il coniuge a carico.

È indispensabile una nuova regolazione delle imposte e tasse locali che, continua la Cisl, preveda un tetto complessivo di tassazione, collegando più chiaramente ciò che si paga alla fruizione dei servizi sul territorio. «All'aumentare della fiscalità locale – spiega Ballotta - il cittadino deve ottenere una corrispondente riduzione del prelievo fiscale nazionale». Infine, ma non meno importante, la Cisl sollecita la lotta all'evasione fiscale, che comporta minori entrate per oltre 180 miliardi di euro l'anno e un maggiore carico su chi le tasse le paga. «Bisogna rafforzare le sanzioni amministrative e penali, aumentare i controlli, migliorare la tracciabilità dei pagamenti e l'utilizzo delle carte di credito senza costi aggiuntivi per le famiglie. Inoltre occorre introdurre meccanismi di contrasto di interesse che consentano a chi compra – conclude Ballotta - di portare in detrazione la relativa spesa, facendo emergere il fatturato oggi occultato».

Per partecipare alla campagna della Cisl per un fisco più equo e giusto si può firmare da oggi in tutte le 27 sedi Cisl di Modena e provincia e presso tutti i Comuni modenesi. È sufficiente presentarsi con un documento valido (carta d’identità o patente di guida) ed essere iscritti alle liste elettorali. La Cisl raccoglie le firme anche nei congressi delle varie categorie di Modena e Reggio Emilia, che si stanno fondendo in vista della nascita della Cisl Emilia Centrale, in calendario a fine maggio. Inoltre per tutto il mese di giugno la Cisl sarà presente con tavoli e gazebo in tutti i mercati settimanali e altre iniziative pubbliche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque emiliani contagiati, Bonaccini: "Stiamo valutando chiusura di nidi, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Trema la pianura, scossa di terremoto MI 3.4 tra Modena e Reggio

  • Coronavirus. Tutte le scuole in Emilia-Romagna chiuse fino al 1 marzo

  • Due nuovi casi di contagio a Modena, ricoverati due famigliari del paziente carpigiano

  • Coronavirus, cresce il numero dei contagiati. Casi anche a Sassuolo e Maranello

  • Coronavirus, raggiunta quota 47 contagi in regione. A Modena sono 8 gli ammalati

Torna su
ModenaToday è in caricamento