rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Economia Finale Emilia

Finale, Coop Progetto 3 smentisce le dichiarazioni della Cgil

I legali dell'azienda finalese contestano quanto dichiarato ieri dalla Cgil, preoccupata per le sorti di 14 facchini. Nessuna intenzione di chiudere l'attività, ma solo la perdita di una commessa

Quanto riportato dalla Cgil in un comunicato di ieri, circa la situazione della coop Progetto 3 di Finale Emilia e di 14 facchini a rischio ha trovato oggi una ferma presa di posizione dell'azienda stessa, che tramite il proprio legale ha precisato lo stato dei fatti, smentendo seccamente le fonti sindacali.

"La Progetto 3 non ha cessato la propria attività e non ha intenzione di cessarla continuando ad avere degli appalti sui quali lavorare per alcuni committenti - si legge in una nota - L'azienda Sicurint Group Scpa ha acquisito un appalto dove venivano impiegati circa 50 lavoratori e lo ha assegnato ad una cooperativa consorziata che a sua volta ha accettato tutte le richieste soci presentate dai lavoratori dalla Progetto 3".

Non c'è stata nessuna cessione d'azienda ma solamente la perdita di un'appalto, quindi, ed una conseguente "migrazione" di alcuni lavoratori. "Tutte le parti hanno intenzione di venire incontro alle esigenze dei lavoratori - prosegue il legale della coop finalese - Quattordici dipendenti della Progetto 3, consigliati dal sindacalista, hanno deciso di non presentare domanda di ammissione a socio lavoratore e pertanto, allo stato, non possono essere utilizzati. A quanto a nostra conoscenza la Cooperativa assegnataria dell'appalto è ancora disponibile ad utilizzare tutti i lavoratori ad oggi esclusi come soci lavoratori. Per quanto riguarda il TFR, con accordo sindacale, è stato trasferito alla cooperativa assegnataria dell'appalto".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finale, Coop Progetto 3 smentisce le dichiarazioni della Cgil

ModenaToday è in caricamento