Coworking, fab lab, incubatori e acceleratori: un fenomeno in crescita esponenziale

Secondo uno studio dell’Università di Modena e Reggio Emilia questo tipo di attività innovative sono cresciute de +1000% dal 2013. A Bologna un terzo del totale, Modena seconda

Spazi collaborativi in crescita esponenziale in Emilia – Romagna: dal 2013 il loro numero è aumentato di undici volte, passando da 13 a 151. È quanto emerge da uno studio (“Lo sviluppo degli spazi di collaborazione e dei co-working in Emilia – Romagna”) condotto dall’Università di Modena e Reggio Emilia, presentato oggi a Bologna nel corso di un convegno organizzato da ART-ER, la nuova società regionale per la crescita e l’innovazione.

La ricerca, condotta da OPERA (Unità di Ricerca del Dipartimento di Comunicazione ed Economia dell’UniMoRe), si è svolta in due fasi: nella prima, è stata realizzata una mappatura degli spazi di collaborazione operativi in Emilia-Romagna, per studiarne la diffusione nei diversi territori provinciali, le tipologie più diffuse, gli obiettivi perseguiti e le loro dimensioni in termini di metrature e numero di postazioni.

Gli spazi collaborativi censiti sono in totale 151, a testimonianza della rapida espansione di un fenomeno che interessa non solo il capoluogo regionale ma tutti i capoluoghi di provincia. Bologna fa la parte del leone, con 49 spazi, seguita nell’ordine da Modena (18), Forlì (15), Ravenna (14), Reggio Emilia (13), Ferrara e Rimini (12), Parma (11) e Piacenza (7).

In prevalenza (36%, quasi un caso su tre) si tratta di spazi di co-working ma c’è anche un numero rilevante di fab-lab (11%), incubatori e/o acceleratori (11%) e spazi polifunzionali (17%). Realtà importanti sono anche i laboratori aperti, spazi urbani recuperati e finanziati dalla Regione Emilia-Romagna attraverso i fondi europei  (7%) e gli hub culturali e/o creativi che accolgono al loro interno professionisti delle industrie creative, ma anche cittadini interessati alle tematiche artistiche e alla programmazione culturale proposta dallo spazio (9%).

Nella seconda fase il gruppo di ricerca ha svolto un’indagine sul campo tramite interviste a 151 fra gestori e frequentatori e l’osservazione diretta di 39 spazi, con l’obiettivo di rilevare le motivazioni e le esigenze dei lavoratori, gli impatti generati dalla frequentazione sulle professioni e le caratteristiche dell’ecosistema in cui sono inseriti.

In particolare, gli spazi collaborativi ospitano persone molto diverse (per provenienza, età, professione, ecc.) e svolgono funzioni differenti, dal sostegno e avviamento per chi intraprende un lavoro o una nuova professione, all’accelerazione della carriera per chi ha già un percorso più strutturato alle spalle, fino all’ancoraggio e al sostegno dal punto di vista sociale, identitario e di legittimazione professionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’indagine ha consentito inoltre di tracciare un identikit dei gestori e dei frequentatori degli spazi; i primi sono per la maggior parte lavoratori autonomi o imprenditori, quasi tutti laureati o con specializzazione post-laurea; in prevalenza uomini (57% vs 43%), hanno in media meno di 40 anni e vivono nella stessa città in cui si trova lo spazio che gestiscono. I frequentatori sono in prevalenza uomini (62,5% vs 37,5%), laureati o con specializzazione post – laurea; solo 2 su 10 sono lavoratori dipendenti, mentre c’è quasi una sostanziale parità fra giovani e senior (il 32% ha meno di 35 anni, il 30% è over 50).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid. Studenti positivi in quattro scuole di Modena e in una di Carpi

  • Scomparsa dopo la scuola, si cerca una 16enne di Sassuolo

  • Focolaio in un bar di Carpi, l'Ausl invita gli avventori a fare il tampone

  • Altri quattro casi nelle scuole. Classi in isolamento a Modena, Carpi e Castelfranco

  • Vintage e Second Hand | 4 negozi di pezzi d'abbigliamento unici e pregiati a Modena

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento