Saldi e decaloghi antitruffa. Cna: "Perché per i negozi online non ci sono queste avvertenze?"

"Sabato sono iniziati i saldi estivi, e come al solito, è un proliferare di decaloghi su come evitare fregature da parte di negozianti senza scrupoli". Così interviene il presidente Masi che sottolinea la mancanza di tali decaloghi per l'online

Sull'argomento saldi è intervenuto Roberto Masi, presidente provinciale e Regionale di CNA Commercio e Turismo, a fronte dei tanti allarmi lanciate da diverse associazioni dei consumatori in occasione dell’avvio dei saldi estivi: "Sabato sono iniziati i saldi estivi, e come al solito, è un proliferare di decaloghi su come evitare fregature da parte di negozianti senza scrupoli. Intendiamoci, qui non si vuole certo negare che, come accade in tutte le categorie, anche tra chi esercita l’attività del commercio ci sia chi approfitta di questo periodo dell’anno per cercare di vendere merce di anni passati o praticare altre politiche commerciali poco etiche. Trattare, però l’intera categoria alla stregua di ladri, diffondendo liste di accorgimenti come si fa, ad esempio, per evitare i furti negli appartamenti sia una mancanza di rispetto per chi esercita un’attività utile per l’intera comunità, se pensiamo al presidio del territorio e della comunità che esercitano i negozianti”.

Continua Masi: “Ci piacerebbe che la stessa attenzione fosse riservata alle vendite on line, ad esempio, dove i saldi si inseguono tutto l’anno con garanzie ben minori rispetto a quelle di cui possono usufruire i consumatori nei negozi fisici”. Ad avviso di CNA, sarebbe molto più utile che le Associazioni dei consumatori, anziché sparare nel mucchio denigrando tutta la categoria, facessero nomi e cognomi di chi si comporta in modo illegale, e analizzassero anche i comportamenti di chi, soprattutto in rete, promuove vendite definite sottocosto. Sono davvero sottocosto i prezzi praticati? E sono tali le garanzie concesse?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Con questo – sottolinea Roberto Masi – non vogliamo certo ostacolare i cambiamenti che stanno avvenendo nel mondo del commercio: le vendite on line sono una realtà consolidata, utile alle famiglie per contenere i costi. Vorremmo soltanto che anche queste realtà diventassero oggetto di indagine di chi segue il variegato mondo del commercio. Oppure che si analizzasse il mondo del commercio fisico, nel quale i ricavi – sempre più risicati, peraltro – dei commercianti sono destinati a pagare affitti, eventuali dipendenti, imposte e quant’altro. Solo ciò che rimane, e non è molto, serve al sostentamento personale e familiare. E, per ironia della sorte, spesso i negozi fisici sono considerati alla stregua di camerini per gli acquisti on line. Una beffa che si aggiunge al danno di una palese mancanza di rispetto che arriva da molte associazioni di consumatori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venerdì sera, ritorna la movida. Multati sei locali del centro storico

  • Contagio. In provincia 11 casi, di cui 6 asintomatici del focolaio di Carpi

  • Perde il controllo della moto, 21enne muore sulla Nuova Estense

  • Coronavirus, un giorno da ricordare. Nessun nuovo caso e nessun decesso a Modena

  • Contagio, un nuovo caso a Modena. Deceduta una donna di Pavullo

  • Detenzione irregolare di armi, denunciati 17 modenesi durante le verifiche della Polizia

Torna su
ModenaToday è in caricamento