rotate-mobile
Economia

Ogni festa uno sciopero, non si ferma la protesta nei centri commerciali

I sindacati non arretrano di un passo e annunciano altre iniziative di astensione dal lavoro contro le liberalizzazioni. "No alle aperture degli iper, meglio accordi come a Modena e Vignola"

I sindacati del commercio Filcams-Fisascat-Uiltcus di Modena proclamano sciopero per le giornate festive civili e religiose del 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno e 15 agosto. Lo sciopero è indetto, attaccano i sindacati in una nota congiunta, "contro l'intenzione di quelle grandi catene commerciali, quali Lidl, Pam Panorama, Esselunga, Eurospin, Famila, Obi, Metro e Unieuro che intendono aprire nei giorni del 25 aprile e primo maggio". In questo modo, "i lavoratori che, malgrado la volontarietà del lavoro festivo prevista dal contratto nazionale, saranno comandati a prendere servizio, potranno astenersi", precisano le sigle.

La mobilitazione è in generale contro le liberalizzazioni degli orari commerciali introdotte dal "Salva-Italia" del 2011, con "conseguente peggioramento delle condizioni di lavoro e di vita degli addetti a causa delle aperture indiscriminate festive e domenicali". Dunque, a tutte le imprese i sindacati chiedono di "rispettare le festività, aderendo ad accordi di autoregolamentazione quando proposti dalle amministrazioni locali", come a Modena e a Vignola, "sottoscrivendo accordi sindacali che prevedano la chiusura nelle festivita' previste" nei contratti nazionali.

(DIRE)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ogni festa uno sciopero, non si ferma la protesta nei centri commerciali

ModenaToday è in caricamento