Ancora scioperi contro il Jobs Act, tre presidi a Modena

Cgil e Uil non rinunciano alla mobilitazione contro la riforma del lavoro del Governo Renzi. Domani operai a braccia incrociate a Castelnuovo, Bomporto e Finale

Dopo lo sciopero generale del 12 dicembre scorso, proseguono le iniziative di Cgil e Uil di contrasto al Jobs Act e alle politiche economiche del governo Renzi che continuano ad essere inadeguate ad affrontare la crisi e i suoi effetti sociali.  Martedì 26 maggio è stata infatti proclamata una giornata di mobilitazione, sostenta anche dalla proclamazione di scioperi provinciali di categorie e Rsu dell’industria e del terziario (è escluso il settore pubblico), per ribadire che servono misure diverse per affrontare la crisi, a partire dall’impulso ad investimenti pubblici e privati per creare nuovo lavoro. 

Tre i presidi in provincia di Modena che si terranno la mattina dalle ore 9.30 alle 11 in diversi Comuni: a Castelnuovo Rangone in via Salvador Allende 6 presso il polo delle industrie agroalimentari, di fronte alla Dinamic Oil di Bomporto in via Togliatti 15 e di fronte alla J Colors di Finale Emilia in via Venezia 4. 

Cgil e Uil chiedono la cancellazione del Jobs Act e la sostituzione con un nuovo Statuto dei Diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, un piano straordinario per l’occupazione, la riforma della legge Fornero sulle pensioni per introdurre maggior flessibilità in uscita, una riforma fiscale che redistribuisca a favore dei redditi da lavoro e pensioni, il rinnovo dei contratti nazionali di lavoro pubblici e privati, una riforma in senso universale degli ammortizzatori sociali. 

“Nonostante la propaganda del Governo Renzi sull’aumento dell’occupazione e la ripresa economica  - dicono Tania Scacchetti segretario Cgil e Luigi Tollari segretario Uil – la situazione rimane ancora molto difficile e rischia di essere aggravata dalla fine del finanziamento degli ammortizzatori sociali a fine maggio”. “A Modena – continuano i segretari di Cgil e Uil - si stimano quasi 4.000 lavoratori di piccole e medie imprese, coinvolti dall’utilizzo della deroga che rischiano o la cessazione del rapporto di lavoro o forti riduzioni di orari”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine dei tre presidi, dove gli interventi porranno l’accento anche sulla riforma della scuola e sulla perequazione delle pensioni, una delegazione sindacale di Cgil-Uil sarà ricevuta dal Prefetto di Modena e dalla Direzione dell’Inps. Saranno riportate le forti preoccupazioni per l’incertezza sul ri-finanziamento degli ammortizzatori sociali nel 2015, nonché per i ritardi nei tempi di pagamento delle prestazioni di cassa integrazione che in alcuni casi sono anche di 7/8 mesi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Modena usano... il freddo!

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

  • Contagio. Individuati 8 casi nel modenese, tutti in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento