menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Tagli su tutti i fronti", nuovo sciopero alla Gazzetta di Modena

L'assemblea dei redattori ha incontrato i vertici del gruppo Gedi, senza però ricevere rassicurazioni. Ancora solidarietà da parte del sindaco Muzzarelli

L'assemblea dei giornalisti della Gazzetta di Modena  (oltra a quelle quelle della Gazzetta di Reggio della Nuova Ferrara e a Il Tirreno) ha proclamato un giorno di sciopero per la giornata del 7 ottobre. Di conseguenza il giornale domani 8 ottobre non sarà in edicola e l'aggiornamento del sito internet resta sospeso fino a domani mattina.

Il comunicato sindacale spiega: "Alla luce dell’incontro con i vertici di Gedi abbiamo ufficialmente appreso dell’intenzione da parte dell’azienda di cedere in blocco le quattro testate Il Tirreno, Gazzetta di Modena, Gazzetta di Reggio, Nuova Ferrara, oggetto delle indiscrezioni dell’ultima settimana. Cessione che sembra essere alle battute finali e “che a questo punto subirà un’accelerazione”, come affermato dall’azienda.

Di fronte a risposte evasive e alla totale chiusura rispetto alle richieste di tutela dell’organico, oltre all’assenza di garanzie sul futuro delle nostre testate e sull’affidabilità degli acquirenti, restiamo amareggiati per alcune rassicurazioni che al momento non trovano conferma nei fatti.

Siamo infatti venuti in possesso di una parte del piano industriale che non prevede mai alcun investimento rispetto all’attuale progetto editoriale, ma anzi annovera tagli consistenti praticamente su tutti i fronti, a partire dal personale (giornalisti, fotografi, collaboratori, poligrafici).

Stupisce poi la rassicurazione che ci stanno cedendo per “metterci in sicurezza” anche alla luce “della crisi che stiamo vivendo, che gioca la sua parte. Io non sono fiducioso sul fatto che le cose possano migliorare”, come detto dall’amministratore delegato di Gedi, Maurizio Scanavino, in riferimento al contesto dell’intero gruppo Gedi, a dimostrazione del fatto che i piani operativi sul fronte locale sono rimasti lettera morta in tutti questi mesi." 

 “È necessario siano salvaguardate sia l’occupazione sia l’autonomia della testata”. Ha commentato il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli incontrando in Municipio i rappresentanti del comitato di redazione della Gazzetta di Modena in occasione dello sciopero indetto per oggi. Il sindaco, insieme all’assessore Andrea Bortolamasi in rappresentanza di tutta la giunta comunale, ha espresso solidarietà ai giornalisti e ai lavoratori della Gazzetta ribadendo la necessità di “tutelare la qualità dell’informazione, soprattutto in una fase come quella che stiamo attraversando dove proprio gli organi d’informazione locali hanno dimostrato quanto possano essere preziosi nel garantire legami di comunità. È importante che ora – ha aggiunto il sindaco - venga fatta chiarezza sulle prospettive del quotidiano, dal punto di vista occupazionale e per evitare di disperdere un patrimonio di credibilità e autorevolezza costruito negli anni”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento