Elle Ceramica di Fiorano, due giorni di sciopero contro la mobilità

Esternalizzato il servizio magazzino e messi in mobilità 10 addetti. Protesta alla ceramica fioranese e solidarietà dei colleghi. I sindacati premono per una ricollocazione del personale

Due giornate di sciopero, oggi e domani 29 e 30 aprile, alla Elle Ceramiche di Fiorano Modenese, sono state proclamate dai sindacati Filctem/Cgil e Femca/Cisl e dalla Rsu contro, la decisione unilaterale dell’azienda di aprire una procedura di mobilità per 10 addetti per esternalizzare le attività di magazzino/logistica. Sia oggi che domani è previsto il presidio dei lavoratori, per tutto il giorno, davanti ai cancelli aziendali in via Giardini 60 a Fiorano Modenese. Allo sciopero di oggi, l’adesione è del 100% (in foto il presidio odierno). 

“La Elle Ceramiche occupa oggi circa 57 dipendenti, e a seguito dell’incontro del 22 aprile scorso ha ufficializzato la notizia che intendeva esternalizzare il magazzino/logistica dichiarando un esubero di 10 lavoratori (9 carrellisti e 1 impiegato)” spiega Ilenya Gatto della Filctem/Cgil.  “Le motivazioni addotte – prosegue la sindacaslista - sono problemi di costi, difficoltà nella gestione della flessibilità oraria e mancanza di capacità di gestione del magazzino”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell’incontro i sindacati hanno prospettato alla società altre soluzioni alternative ai licenziamenti, a cominciare dalla riqualificazione e/o ricollocazione del personale, visto che già oggi l’azienda impiega 10 lavoratori interinali. Si è inoltre proposto di riorganizzare il magazzino individuando tra i carrellisti una figura che sia di riferimento per i lavoratori ed abbia la capacità organizzativa per sistemare il magazzino. Si è anche chiesto di investire sulla radio frequenza e l’eventuale ricorso ai contratti di solidarietà per gestire picchi e/o cali di lavoro, almeno sino a che non si riorganizza il reparto. 
L’azienda ad oggi non ha però preso in considerazione le proposte dei sindacati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Modena usano... il freddo!

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

  • Incidente in via Pancaldi, non ce l'ha fatta lo scooterista di 55 anni

  • Covid, famiglie e imprese dovranno segnalare i rientri dall'estero. Poi quarantena in hotel

  • Contagio Trovati 15 nuovi casi nel modenese: erano già quasi tutti in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento