Sicrea acquisisce CdC, quartier generale si trasferisce a Modena

Il 19 febbraio il gruppo reggiano concluderà l’affitto d’azienda della Cooperativa di Costruzioni di Modena attraverso la controllata SIREM srl. Posti salvaguardati, ma arriva serviranno ammortizzatori sociali

La storia centenaria della CdC non si fermerà: l’intervento di SICREA Group ha promesso e permesso all’azienda modenese di uscire dall’empasse salvaguardando oltre 280 posti di lavoro, una grande scommessa nel futuro e nelle possibilità di rilancio del colosso cooperativo. SICREA Group, che trasferirà a Modena la propria sede direzionale, riunisce oggi ben 7 società per un fatturato previsto di circa 150 milioni di euro nel 2015. 

“L’operazione con la Cooperativa di Costruzioni di Modena si inserisce in una prospettiva di sviluppo strutturale per SICREA Group – afferma il Presidente del gruppo Luca Bosi -  La CdC si integra pienamente con le attività del gruppo e permette ad esso di acquisire un maggiore “peso specifico”, grazie al quale ne deriveranno una economia di scala, una efficiente gestione operativa e l’ottimizzazione dei costi indiretti. Per affrontare ancora meglio un mercato sempre più selettivo e competitivo”. 

Il passaggio societario non sarà indolore: la situazione che ha costretto la Cooperativa di Costruzioni a ricorrere al Concordato preventivo è complessa. L’attuale portafoglio clienti della Cdc non supera i 35 milioni di euro, sufficienti per garantire lavoro a circa 1/3 dei dipendenti. SICREA Group ha messo a preventivo una perdita di 2 milioni e 800 mila euro, sarà tuttavia richiesto un sacrificio da parte di tutti. I dipendenti sono chiamati a rinunciare a benefit e superminimo. Inizialmente sarà necessario inoltre il ricorso agli ammortizzatori sociali per parte della forza lavoro. 

“Tutti i dipendenti di CdC passeranno a SICREA Group, mantenendo in toto il loro Contratto Nazionale di Lavoro, qualifica, anzianità di servizio e TRF – spiega Bosi - Non è un atto dovuto: sarebbe stato possibile tenere soltanto le risorse necessarie. Abbiamo preferito tutelare i lavoratori, nella convinzione che sapremo potenziare l’attività e richiamarli gradualmente al lavoro. Con Orion è andata così e auspichiamo che il modello positivo possa ripetersi anche a Modena”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se tutte le condizioni sospensive relative al personale e al subentro dei cantieri si verificheranno, l’accordo sarà attivo già a partire dal 2 marzo, per far ripartire i lavori a pieno regime. La joint-venture Modena/Reggio parte dunque sotto i migliori auspici. “Intendiamo ripartire su basi nuove – conclude  il Presidente Luca Bosi – vogliamo fare tesoro dell’esperienza e del know-how dell’azienda, ma daremo un taglio netto a tutte le criticità.  Lavoreremo con serietà e massimo impegno, per concludere i cantieri in corso a acquisirne di nuovi”. Il piano di sviluppo prevede di portare il monte lavori a 50 milioni di euro già nel 2015, per salire a 60 nel 2016 e nel 2017.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Modena usano... il freddo!

  • Festa de L'Unità, prime anticipazioni sugli spettacoli di Ponte Alto

  • Coronavirus, individuati 56 nuovi casi positivi. Due i decessi

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento