rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Economia

Evasione ModenAssistenza, per i sindacati nulla di nuovo

Cisl e Cgil confermano tutte le irregolarità evidenziate dal blitz delle Fiamme Gialle che ha portato ad una sanzione di 5 milioni. Le stesse 'badanti' avevano già denunciato in passato il loro trattamento scorretto

L'operazione della Guardia di Finanza nei confronti della coop ModenAssistenza, che ha portato all'identificazione di ben 148 “badanti” assunte in nero e di un'evasione di oltre 2 milioni di euro, riceve oggi il plauso dei sindacati modenesi. Sia Cisl che Cgil esprimo infatti piena soddisfazione per una situazione che ai sindacalisti era ben nota da ormai molto tempo, svelando inoltre nuovi retroscena del comportamento della cooperativa assistenziale nei confronti dei suoi dipendenti.

“Non siamo sorpresi dai provvedimenti della Guardia di Finanza: con quelle imprese abbiamo alcune decine di vertenze aperte da anni”, dichiara il segretario provinciale della Fisascat-Cisl Liliana Castiglioni commentando la notizia. “Sono anni che i lavoratori di queste imprese, quasi sempre donne straniere, a volte clandestine, si rivolgono ai nostri uffici per essere tutelati – racconta Castiglioni – Abbiamo visto di tutto: ritardi nei pagamenti degli stipendi, pagamenti parziali o incompleti, evasione contributiva, irregolarità varie. Per non parlare di atteggiamenti ricattatori nei confronti di immigrati senza permesso di soggiorno e, quindi, in condizione di oggettiva debolezza di fronte a datori di lavoro senza scrupoli”. 

Anche la FP/Cgil dal canto suo segnalava da tempo la situazione insostenibile di molti lavoratori di questa impresa “cooperativa”: dalla scorsa estate il sindacato e i lavoratori si sono infatti mobilitati più volte con presidi per denunciare il mancato pagamento di varie mensilità arretrate, di 13^ mensilità, Tfr, malattia e maternità, assegni familiari, ma anche situazioni di lavoro palesemente irregolari.Come dimostrano le irregolarità riscontrate dalla Guardia di Finanza si tratta di un caso eclatante di sfruttamento dei lavoratori e di inganno delle famiglie, oltre che di evasione nei confronti dello Stato e della collettività, per non dire della concorrenza sleale verso le imprese rispettose di leggi e conteratti. Nel settore dell’assistenza domiciliare privata, nodo cardine del welfare, quello venuto alla luce in queste ore non è certo un caso isolato: situazioni di irregolarità contrattuale/contributiva e di vera e propria illegalità, sono infatti piuttosto diffuse.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evasione ModenAssistenza, per i sindacati nulla di nuovo

ModenaToday è in caricamento