“Tavolini sotto le stelle” riuscita l’iniziativa per far rivivere ristoranti e bar del centro storico

Mauro Salvatori, Presidente Area Modena di Confesercenti, commenta favorevolmente l’iniziativa dell’Amministrazione Comunale. Pedonalizzare alcune strade per dare vita e riqualificare il centro storico di Modena e insieme evitare gli assembramenti. “Questi week end andrebbero promossi, incentivati e organizzati per tutta l’estate”

"Il nostro plauso all’amministrazione comunale per questa nuova iniziativa che ci pare sia riuscita davvero bene”, commenta Mauro Salvatori, Presidente Confesercenti Area città di Modena a proposito di “Tavolini sotto le stelle” che, nello scorso fine settimana, ha previsto la pedonalizzazione di alcune aree del centro storico con la possibilità per i ristoratori di posizionare i tavoli all’esterno dei loro locali. In questo modo è aumentato il numero di posti a sedere e si è potuta gestire al meglio l’accoglienza evitando, secondo le normative vigenti, il formarsi di assembramenti.

Ci pare che l’amministrazione comunale abbia colto nel segno per l’idea e la volontà di creare e promuovere questa modalità di vivere il nostro meraviglioso centro storico, e Modenamoremio per il supporto fattivo nell’organizzazione - prosegue Salvatori - ancora non abbiamo avuto indicazioni precise su come e se proseguirà “Tavolini sotto le stelle”, ma siamo decisamente favorevoli all’iniziativa, che è riuscita perfettamente, e siamo certi che con un maggiore preavviso e un’organizzazione più strutturata si possa riuscire ancora meglio. La chiusura al traffico veicolare, insieme ai tavolini posizionati ordinatamente lungo le vie  lo scorso fine settimana, in occasione della festa della musica, hanno dato la possibilità di rivitalizzare e riqualificare il centro storico.”

Un’iniziativa che si intreccia perfettamente nella lunga serie di norme da seguire per il contrasto al Covid, tra cui la distanza tra le persone e il preferire gli spazi aperti, norme che in “Tavolini sotto le stelle” sono rispettate permettendo anche ai proprietari di locali e ristoranti, fortemente penalizzati durante il lockdown, di risollevarsi dalla crisi.

“Abbiamo potuto fruire della bellezza di Modena in maniera diversa e le persone hanno risposto benissimo alla proposta. In questo modo è anche molto più semplice evitare gli assembramenti, nei tre giorni abbiamo avuto un’affluenza continua e costante, ma mai ripetitiva. Chi non è andato fuori città per il week end ha potuto godere della bellezza del centro storico in sicurezza, sia per la salute, sia per il generale presidio del territorio molto facilitato. In questo modo infatti con i tavoli posizionati ordinatamente e la clientela comodamente seduta, è tutto molto più gestibile e si evitano anche atti di microcriminalità. Sono queste le iniziative che fanno bene alla collettività e che ci auguriamo possano proseguire anche fino alla fine di settembre”, conclude Salvatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna in zona gialla da domenica: Bonaccini: "No al coprifuoco natalizio"

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

  • Coronavirus, scendono i casi attivi e i ricoveri in regione. Modena conferma il calo

  • Coronavirus. In regione il 13,8% dei tamponi è positivo. Modena resta la peggiore per nuovi contagi

Torna su
ModenaToday è in caricamento