Ondulati Maranello, l'azienda alla ricerca di un nuovo stabile in zona

Summit in Regione sulla vicenda dell'impresa a rischio delocalizzazione: confermato l'impegno nella ricerca di nuovo sito a Maranello o nei comuni limitrofi nel quale trasferire la produzione

Prosegue la ricerca di nuovo sito produttivo per la Ondulati Maranello Spa, nel comune di Maranello o in quelli limitrofi, con l’obiettivo di preservare la produzione locale, dove sono presenti i principali e più importanti clienti dell’azienda che produce cartone ondulato per imballaggio.

È questo, in sintesi, quanto emerso oggi durante l’incontro in Regione del Tavolo istituzionale, per discutere delle prospettive produttive ed occupazionali dell’azienda Ondulati Maranello Spa, dopo che lo stabilimento di via Nuvolari è stato acquistato da Ferrari Spa per una espansione in quell’area, posta proprio a nord del complesso produttivo del Cavallino.

All’incontro, presieduto dall’assessore regionale allo Sviluppo economico e Lavoro, Vincenzo Colla, erano presenti il sindaco di Maranello, Luigi Zironi, la direzione dell’azienda, i rappresentanti di Confindustria Emilia Centro, delle organizzazioni sindacali Cgil e Cisl territoriali, la Slc-Cgil di Modena nonché i rappresentanti dei lavoratori.

Richiesto dal Comune di Maranello e dalle organizzazioni sindacali, l’incontro -in videoconferenza- è approdato in viale Aldo Moro dopo il nulla di fatto registrato dei confronti avvenuti a livello territoriale tra le parti in merito all’eventuale rischio di trasferimento dell’azienda modenese e le conseguenti ricadute occupazionali per i 110 lavoratori.

Se da un lato i sindacati hanno sottolineato la preoccupazione per lo scorrere del tempo senza che, ad oggi, sia stata individuata una sede, dall’altro l’azienda ha confermato l’impegno a cercare una soluzione compatibile con le esigenze industriali in cui trasferire il sito produttivo nel territorio di Maranello o nei Comuni limitrofi. Il Comune di Maranello ha confermato la massima disponibilità ad affiancare tecnicamente con i propri uffici il lavoro di verifica sull’idoneità delle aree eventualmente individuate.

“Con oggi si è avviato un percorso, che dovrà avere tempi certi e contenuti, per trovare una soluzione che dia una risposta industriale e sociale. Il nostro obiettivo - ha ribadito l’assessore regionale Colla – è trovare al più presto una soluzione in grado di mantenere l’impresa sul territorio, evitando così tensioni sociali e ricadute pesanti sui lavoratori e sulle loro famiglie. Siamo certi che, in un futuro anche prossimo, ci siano tutte le possibilità per un’ulteriore e significativa crescita di un’impresa che opera in un settore strategico come quello del cartone ondulato e del packaging. Una crescita coerente con le politiche di sviluppo sostenibile del nostro sistema produttivo. Per questo siamo anche disponibili ad accompagnare, sostenendo eventuali investimenti in innovazione e formazione, il percorso dell’azienda”.

Il confronto tra tutte le parti al Tavolo istituzionale sarà riconvocato agli inizi di gennaio prossimo per verificare e certificare i risultati raggiunti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • #IoApro, si allarga anche a Modena la protesta dei commercianti per riaprire tutto il 15 gennaio

  • Tavoli pieni e cena regolare nei ristoranti aperti ieri sera contro il Dpcm

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • Coronavirus, percentuale di positivi in crescita. A Modena altro picco

  • Coronavirus, oggi dati in netto calo in Emilia-Romagna. A Modena 203 casi

  • Bozza Dpcm 15 gennaio in arrivo le nuove restizioni. Emilia-Romagna a rischio rosso

Torna su
ModenaToday è in caricamento