menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Industria 4.0 . L'innovativa Tec Eurolab inaugura la seconda sede a Campogalliano.

Analisi 3D per motori di Formula 1 e violini Stradivari. TEC Eurolab inaugura oggi a Campogalliano la sua seconda sede. E' tra i più grandi centri tomografici in Italia, qui "le persone al centro di tutto"

Si tratta di uno dei più grandi centri tomografici in Italia, qui "le persone al centro di tutto". Un'inaugurazione che è anche una festa per dipendenti, collaboratori, famiglie e tutto il territorio. Stamattina a Campogalliano (MO) Stefano Bonaccini e Palma Costi, rispettivamente Presidente e Assessore alle attività produttive della Regione Emilia-Romagna, hanno tagliato il nastro della seconda sede di TEC Eurolab. Si tratta di un nuovo centro tomografico industriale, uno dei più performanti a livello europeo. Questo piccolo “miracolo emiliano” è stato reso possibile dall'innovazione tecnologica ma soprattutto dalle risorse umane e dalle loro competenze: entro fine anno l'azienda sarà composta da 81 persone tra dipendenti e collaboratori, con un'età media under 36. Per capire il successo di questa azienda, basterebbe pensare al suo fatturato nel 2016 pari a 7.5 milioni di euro, di cui il 25% investito in nuove tecnologie e ricerca e sviluppo.

Qui gli “specialisti dei materiali” garantiscono controlli e analisi specifiche per decifrare anche i più complicati rebus nel campo dell'impiego dei materiali: dalle leghe metalliche ai compositi, fino all'additive manufacturing, dai motori di Formula 1 ai violini Stradivari. L'azienda, infatti, è già partner e fornitore di servizi da multinazionali di livello mondiale, tra cui le più importanti aziende della motor valley emiliana.

I dipendenti sono cresciuti da 56 nel 2014 a 64 nel 2016 e saranno 81 entro la fine del 2017, con un'età media di appena 36 anni e oltre il 90% di rapporti a tempo indeterminato. E' anche grazie a loro che l'azienda ora ha oltre 2.500 clienti di settori eterogenei provenienti da tutto il mondo, un fatturato di 7.5 milioni di euro nel 2016, di cui il 25% investito in nuove tecnologie e R&D, una struttura di 3.000 metri quadrati e, da oggi, un nuovo centro dedicato alle “prove non distruttive”, dotato di alcune delle tecnologie più all'avanguardia a livello europeo per la scansione e l'analisi 3D. La Tomografia Industriale Computerizzata (CT), è un metodo di controllo avanzato che consente di ottenere l'immagine 3D virtuale del componente analizzato, comprensiva di tutti i difetti e le geometrie interne ed esterne: è l'evoluzione naturale della radioscopia e della radiografia digitale.

La nuova sede di via Grieco è la punta dell'iceberg del processo di crescita intensificatosi dal 2014, che ha visto la trasformazione di TEC Eurolab da laboratorio di analisi dei materiali a centro di servizi tecnologici, in grado di supportare i clienti nell'ambito del miglioramento di prodotti e processi. Uno sviluppo avvenuto non solo sul piano degli investimenti economici, ma anche nella crescita del know how interno, come ricorda Paolo Moscatti, Presidente TEC Eurolab: “È l'uomo che fornisce la risposta, la macchina è un aggeggio, un ‘cacciavite' da un milione di euro che senza l'uomo, il suo intelletto, la sua mano, è inutile. Delle migliori macchine del mondo non te ne fai nulla se non puoi contare sulla passione, sull'affidabilità, la responsabilità, la competenza, di chi le utilizza per ottenere dati in grado di rispondere alle esigenze dei clienti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 1.151 nuovi positivi in regione. Modena prima provincia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento