Carne conservata troppo a lungo, CasaModena ritira i "Teneroni"

Il marchio nostrano di Grandi Salumifici Italiani è stato vittima di un raggiro da parte di un grossista, che avrebbe prolungato intenzionalmente la data del Termine Minimo di Conservazione di una partita di carne giunta dal Brasile. Nessun rischio per la salute

Teneroni CasaModena

Incidente di percorso per l'immagine di CasaModena – marchio di Grandi Salumifici Italiani – dopo che l'azienda produttrice di specialità gastronomiche locali è stata costretta a ritirare dal mercato tutte le confezioni di “Teneroni di petto di pollo” 150g a causa del mancato rispetto di norme sanitarie in materia alimentari, derivanti dal presunto comportamento illecito di chi rifornisce gli stabilimenti produttivi. La vicenda è stata riportata oggi sul sito specialistico Il Fatto Alimentare dove viene illustrata la dinamica di un'operazione nata dai controlli dell'Azienda Sanitaria Locale di Alessandria, che ha individuato cinque lotti di prodotti (12406304, 12407201, 12407606, 12408304, 12409004) non conformi alle norme.

Grandi Salumifici ha deciso per precauzione – pur non ravvisando alcun rischio per la salute dei consumatori – di ritirare tutti i prodotti finora in distribuzione nei punti vendita di tutta Italia, vale a dire quasi 300 supermercati delle principali catene della grande distribuzione organizzata. Ma come è giusto precisare, il presunto comportamento illecito che ha generato questa vicenda non è da imputare ai produttori, bensì al sospetto comportamento fraudolento dei fornitori.

Il problema infatti risiede nei termini di conservazione della carne di pollo utilizzata come materia prima dell'impasto dei Teneroni: si tratta di carne congelata importata nell'agosto del 2013 dal Brasile e poi presa in carico dalla Morgan Trade Company di Tortona, che funge da grossista per gli stabilimenti di Grosseto dove si confezionano i macinati CasaModena. Sempre stando a quanto riportato da Il Fatto Alimentare, Morgan Trade avrebbe modificato in maniera fraudolenta il Termine Minimo di Conservazione indicato sulla carne importata. Ne è derivato il fatto che CasaModena ha utilizzato per il suo prodotto una carne conservata in freezer più a lungo di quanto le norme alimentari prevedono.

Un incidente di percorso – degno di nota, ma più frequente di quanto si possa immaginare - che fortunatamente non ha significato alcun rischio sanitario. Per tutelare la salute personale dei consumatori, Grandi Salumifici ha infatti adottato la procedura di massima garanzia, svolgendo anche accurate analisi sui prodotti, che non hanno dato alcun riscontro negativo circa la qualità. Se verranno accertate responsabilità anche da un punto di vista giudiziario, lo stesso produttore modenese potrà chiedere al grossista piemontese i danni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavoli pieni e cena regolare nei ristoranti aperti ieri sera contro il Dpcm

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • Coronavirus, percentuale di positivi in crescita. A Modena altro picco

  • Coronavirus, oggi dati in netto calo in Emilia-Romagna. A Modena 203 casi

  • Bozza Dpcm 15 gennaio in arrivo le nuove restizioni. Emilia-Romagna a rischio rosso

  • Polo logistico Amazon a Spilamberto, apertura entro la fine dell'anno

Torna su
ModenaToday è in caricamento