rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Economia Vignola / Via di Mezzo, 441

Gibellini apre la quarta Funeral Home, Terracielo inaugura a Vignola

Una nuova grande casa funeraria, sul modello di quelle esistenti a Modena, Mirandola e Carpi. Un investimento da 3,8 milioni di euro per una struttura di 2.000 metri quadrati con sei sale del commiato

Anche a Vignola, dopo Modena, Mirandola e Carpi, inaugura Terracielo Funeral Home Vignola, una casa del commiato che ripropone la formula già sperimentata nelle tre sedi di Modena e Provincia. Il regista è sempre lo stesso, un veterano, professionista del settore da oltre 50 anni: Gianni Gibellini, Amministratore delegato e socio di Cofim S.p.A., azienda con oltre 50 dipendenti con sede a Modena.

Anche l'obiettivo non cambia: "Terracielo, a Vignola come a Modena, Carpi e Mirandola, nasce per offrire a tutti, secondo i mezzi di ciascuno, la possibilità di esaudire le esigenze concrete che si presentano in occasione di un lutto". Perché proprio a Vignola? "Perché con i suoi oltre 25 mila abitanti è una città a tutti gli effetti e a pochi chilometri ci sono altri importanti comuni e decine di migliaia di abitanti che potranno avvalersi di questi servizi innovativi".

Con un investimento di circa 3,8 milioni di euro Gianni Gibellini è riuscito a dare vita a questa quarta casa funeraria dopo quella inaugurata a Modena nel 2011, quella aperta a Mirandola nel 2015 e a Carpi nel 2019: "E' stata una scelta coraggiosa e un investimento di risorse notevole ma ne valeva la pena: creeremo occupazione e daremo a tutti i cittadini la possibilità di accedere a servizi di alto livello al prezzo di un funerale "normale". Durante il 2021 nelle tre strutture sono passate circa 176mila persone per le visite ai defunti. Il nostro gruppo di agenzie nel 2021 ha fatto oltre 1400 funerali mentre nelle tre case funerarie sono stati ospitati oltre 1.200 defunti, 751 a Modena, 281 a Carpi e 220 a Mirandola. Queste cifre testimoniano il fatto che siamo riusciti, con la creazione della case funerarie, a intercettare i bisogni delle persone in un momento particolarmente difficile, come è quello della dipartite dei propri cari"     

Terracielo Funeral Home Vignola si estende su una superficie di circa 2.000 metri quadri su due piani, in via di Mezzo 441. La struttura è interamente alimentata con un impianto fotovoltaico installato sul tetto in grado di produrre 20 kW. La struttura mette a disposizione dei propri clienti un luogo in cui poter trasferire ed esporre il defunto prima del funerale: una pratica molto utile, ad esempio, quando si abbia bisogno di tempo per organizzare la cerimonia (la salma può essere adeguatamente conservata a Terracielo anche per diversi giorni), quando si desideri che il proprio caro possa essere esposto alle visite in un luogo adeguato, nel caso in cui l'abitazione risulti inadatta, o comunque in un luogo più decoroso e accogliente rispetto a molte delle camere ardenti delle strutture sanitarie. A dare risalto alla struttura, un giardino interno dove si affaccia un "muro d'acqua", una grande cascata di 7 metri di altezza per 2,5 di larghezza che, oltre a essere la più alta d'Italia, dona alla struttura una nota innovativa e di contatto con la natura. 

Sala della Fioritura, Sala della Rocca, Sala del Fiume, Sala del Barozzi, Sala dei Ciliegi, Sala della Vigna e Sala Terracielo (dove si fanno le funzioni): sono questi gli evocativi nomi delle sale del commiato che saranno a disposizione dei cittadini che lo vorranno. Ciascuna delle sale è caratterizzata da un colore diverso che viene ripreso dagli arredi di design, sobri ed eleganti, e da delicati dettagli tematici che gli ospiti possono anche scegliere e personalizzare. Ogni sala è inoltre dotata di schermi e impianto audio che, comandati da una regia centrale, possono diffondere in ciascuna sala immagini video che ricordano i momenti della vita del defunto scelte dai parenti, così come le musiche preferite.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gibellini apre la quarta Funeral Home, Terracielo inaugura a Vignola

ModenaToday è in caricamento