rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Economia Finale Emilia

Terremoto, cassa integrazione per chi è senza lavoro causa il sisma

Lo ha reso noto la Fillea-Cgil che, inoltre, ha esortato gli operatori a tenere gli occhi aperti: "Nessun lavoratore può essere obbligato ad entrare nel luogo di lavoro se questo non è sicuro"

Attivati gli ammortizzatori sociali straordinari per i lavoratori che non possono svolgere la propria attività perchè l'impresa ha subito danni dal terremoto. Non solo: in via di definizione l'accordo provinciale per la cassa integrazione. Lo ha reso noto la Fillea-Cgil di Modena, precisando anche che "nessun lavoratore può essere obbligato ad entrare nel luogo di lavoro se questo non è stato dichiarato agibile o se valuta che vi possano essere rischi per la propria incolumità". L'invito ai lavoratori è quello di "rivolgersi alla sede provinciale nel caso di eventuali pressioni indebite". Il sindacato degli edili ha esortato i lavoratori "ad una attenta vigilanza affinchè non si verifichino tentativi di delocalizzazione delle produzioni, senza un preventivo confronto con le organizzazioni sindacali". Nei prossimi giorni, annunciano, "chiederemo un confronto a livello istituzionale e con le parti sociali per cominciare ad approntare un percorso per la ricostruzione, che parta da una riclassificazione corretta dal punto di vista sismico, che proceda poi a definire modalità che ci tutelino da possibili infiltrazioni da parte dell'economia malavitosa, nella fase della ricostruzione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto, cassa integrazione per chi è senza lavoro causa il sisma

ModenaToday è in caricamento