rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Economia

Terremoto nella bassa modenese, scatta la solidarietà fra cooperative

Nel 2009 il mondo cooperativo modenese accorse in aiuto dei colleghi de L'Aquila colpiti dal terremoto: oggi, i cooperanti abruzzesi restituiscono il favore. De Vinco: "Ci hanno chiamato da tutta Italia, ma loro sono stai i primi a darci una mano"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

Tre anni fa i caseifici modenesi avevano inviato forme di Parmigiano-Reggiano ai terremotati abruzzesi. Oggi sono le cooperative de L'Aquila e Teramo a offrire il loro aiuto ai cooperatori modenesi vittime del sisma. "È scattata subito la solidarietà interna al nostro movimento – conferma il presidente di Confcooperative Modena, Gaetano De Vinco – Ci hanno chiamato da tutta Italia e le prime disponibilità di aiuti sono giunte proprio dall'Abruzzo. Stiamo valutando la possibilità di aprire una sottoscrizione nazionale tra tutte le cooperative aderenti a Confcooperative". Ieri lo stesso De Vinco ha visitato le zone colpite dal terremoto insieme al direttore di Confcooperative Modena, Cristian Golinelli, al vicepresidente Piergiorgio Lenzarini, al presidente di Confcooperative Emilia-Romagna, Maurizio Gardini (che guida anche la Federazione nazionale delle cooperative agroalimentari), e al direttore regionale di Fedagri-Confcooperative, Antonio Ferraguti. "La situazione è molto grave nei caseifici e nelle cooperative ortofrutticole, che hanno subito danni pesanti alle strutture di stagionatura e conservazione – riferisce De Vinco – Sono lesionati anche i cantieri delle cooperative di abitazione e produzione lavoro, i capannoni per il ricovero dei mezzi, i locali per le attività delle cooperative sociali. Diverse nostre cooperative a sud della via Emilia hanno offerto la disponibilità a ospitare macchine e attrezzature delle cooperative colpite". Tecnici e dirigenti di Confcooperative Modena proseguono anche oggi i sopralluoghi nelle zone devastate dal sisma per approntare le richieste di risarcimento. Nei prossimi giorni si riunirà il comitato di presidenza di Confcooperative Modena per deliberare eventuali misure straordinarie a sostegno delle cooperative danneggiate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto nella bassa modenese, scatta la solidarietà fra cooperative

ModenaToday è in caricamento