rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Economia

Terremoto nella Bassa, in stallo il mercato immobiliare

Esodo dalla Bassa, la popolazione cerca rifugio nella pedemontana con affitti temporanei. Lo rileva la Federazione Italiana Agenti Immobiliari: "Almeno qui non si è vista la speculazione fatta per camper e roulotte"

Paralizzate le compravendite immobiliari, boom di richieste di affitti soprattutto temporanei. Questa la situazione in Emilia in seguito alle continue scosse di terremoto delle ultime settimane. A confermare questo trend registrato dagli agenti immobiliari è Carla Del Vecchio, presidente della Fiaip (Federazione italiana agenti immobiliari professionali) di Modena. "Il terremoto ci ha messo poco a bloccare un mercato che già non è che corresse" spiega. Invece in molti, a partire dalla prima scossa del 20 maggio, hanno chiesto di spostarsi con affittanze temporanee nella zona pedemontana, considerata "meno rischiosa perché lontana dall'epicentro del sisma". Ora però il mercato dà segni di saturazione, "anche perché per molte delle case disponili manca l'agibilità". La buona notizia è che, se "ho visto fare speculazioni 'disgustose' sui prezzi di camper e roulotte", nell'abitativo "vedo grandissima sensibilità delle persone, disponibili a dare le loro case in affitto temporaneo, a calare sul prezzo e, non lo nascondo, in molti casi anche a dare gratis la casa a chi ne ha bisogno".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoto nella Bassa, in stallo il mercato immobiliare

ModenaToday è in caricamento