rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Economia Maranello

Ferrari, ancora un trimestre record. Le auto ibride ora sono il 51% di quelle consegnate

Ricavi netti pari a 1.544 milioni, in crescita del 23,5% rispetto all’anno precedente, con consegne totali pari a 3.459 unità, in aumento dell’8,5% rispetto al terzo trimestre 2022

Numeri sempre più positivi per il Cavallino. Nel terzo trimestre 2023 le vetture consegnate hanno raggiunto le 3.459 unità, con un incremento di 271 unità rispetto all’anno precedente, grazie a un portafoglio ordini molto solido che rispecchia i volumi, le aree geografiche e i piani di allocazione prodotti per trimestre.

Le consegne del trimestre sono state trainate dalle famiglie 296 e SF90, mentre la F8 Spider è prossima alla fine del suo ciclo di vita. Nel corso del trimestre le consegne della 812 Competizione A e della Purosangue erano in fase di accelerazione, mentre sono proseguiti i piani di allocazione della Daytona SP3. Nella gamma prodotti del trimestre sono compresi nove modelli con motore a combustione interna e quattro modelli a motorizzazione ibrida. Le consegne di questi ultimi hanno raggiunto il 51,0% delle consegne totali nel trimestre.

“Un altro trimestre da record, con una crescita degli utili trainata da un mix ancora più ricco e dal continuo appeal delle personalizzazioni, che ci porta ad aumentare la guidance per l’anno. Il portafoglio ordini rimane ai massimi livelli grazie alla forte domanda in tutte le aree geografiche e si estende a tutto il 2025", ha commentato l’Amministratore Delegato Benedetto Vigna. "L'unicità del nostro marchio, che ancora una volta ha contribuito a questo successo, è di ispirazione per tutto ciò che facciamo: dai lanci di nuovi modelli, tra cui le ultime 296 Challenge e 499P Modificata, alle esperienze esclusive che offriamo ai nostri clienti, come il recente Ferrari Gala di New York e le Finali Mondiali al circuito del Mugello".

Nel terzo trimestre 2023 i ricavi netti si sono attestati a Euro 1.544 milioni, 23,5% o del 25,8% a cambi costanti(1). I ricavi da Automobili e parti di ricambio sono stati pari a 1.330 milioni (in crescita del 26,5% o 29,1% a cambi costanti), grazie all’aumento dei volumi, al mix prodotti e geografico più ricco e al maggiore contributo delle personalizzazioni e del pricing. Ancora una volta, come nei trimestri precedenti, la contrazione dei ricavi dei Motori (28 milioni, -33,0%) riflette la diminuzione delle consegne a Maserati, con l’approssimarsi della scadenza del contratto nel 2023. L’aumento dei ricavi da Sponsorizzazioni, proventi commerciali e relativi al marchio a 145 milioni, in crescita del 13,8%, è attribuibile principalmente alle nuove sponsorizzazioni e al migliore posizionamento nel campionato di Formula 1 dell’anno precedente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrari, ancora un trimestre record. Le auto ibride ora sono il 51% di quelle consegnate

ModenaToday è in caricamento