menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Medolla la cantina biologica Ventiventi "ad alta tecnologia"

Una nuova realtà produttiva che si estende su 45 ettari e rafforza l'impegno imprenditoriale della famiglia Razzaboni di Mirandola

Un progetto nato un po' in sordina, nel 2014, con la costituzione della società agricola "Il Borghetto". Nel 2015 l'acquisto del primo terreno: 20 ettari dei quali 18,7 vitati. Nel 2019 l'aggiunta di altri 25 ettari, dei quali 11,5 vitati, oltre alla registrazione del marchio e all'ottenimento della certificazione biologica. Nel 2020, infine, nonostante la pandemia da Coronavirus, l'anno della consacrazione e della piena operatività: il vero inizio di questa storia imprenditoriale insomma.

Ventiventi (o nella variante numerica 2020) è una cantina vitivinicola biologica che ha dietro di sé la passione e l'impegno della famiglia Razzaboni di Mirandola, la stessa che ha le redini di Cima, l'azienda che progetta e produce dispositivi di sicurezza per la gestione del denaro.

Vittorio Razzaboni, insieme ai figli Riccardo, Andrea e Tommaso, ha dato vita a una realtà nuova e differente nel distretto viticolo a nord di Modena, che mira a intercettare quel turismo enogastronomico tanto caro alla nostra provincia.

Ventiventi è un marchio che è stato depositato e registrato in diversi Paesi nel mondo. "La nostra fantasia è servita per immaginarla, la praticità per darle forma, la tenacia per realizzare quel sogno", sottolinea Andrea Razzaboni.

L'azienda agricola si estende su 45 ettari di terreno, con vitigni locali come Sorbara, Salamino di Santa Croce, Pignoletto e Ancellotta, oltre a vitigni internazionali quali Pinot Bianco e Cabernet Sauvignon. "Grazie all’alto contenuto di argilla", sottolinea Andrea Razzaboni, "i terreni danno vita a vini di carattere e buona struttura, sempre bilanciati dalla spiccata acidità che caratterizza i prodotti del nostro territorio".

Andrea, 24 anni e una laurea in enologia e viticoltura, è il membro della famiglia Razzaboni che segue più da vicino l'intero processo di coltura e vinificazione. "Ventiventi crede in un’agricoltura sana e rispettosa dell’ambiente", continua Andrea Razzaboni. "Siamo convinti che la sostenibilità sia l’unica strada percorribile ed è per questo che il biologico è un imprescindibile punto fermo, fin dalla messa a dimora del primo vigneto nel 2016. Non ci affidiamo alla chimica ma all’equilibrio della natura, grazie alla tecnologia riduciamo sensibilmente l’utilizzo del rame e dello zolfo. Gestiamo la vendemmia grazie a una vendemmiatrice di ultima generazione che ci permette di portare l’uva in cantina nelle migliori condizioni possibili".

L’azienda agricola, grazie al fotovoltaico, attualmente produce 18kw che diventeranno 50 entro la fine del 2020, e cercherà di diventare il più possibile autosufficiente dal punto di vista energetico. "Pensiamo che la modernità", conclude Razzaboni, "passi da razionalità e buonsenso, senza mai perdere di vista il rispetto della tradizione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagio, oggi 379 casi e 7 decessi in provincia di Modena

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento