Una piazza "Bonissima",  weekend all’insegna del gusto modenese

Con la giusta miscela tra novità e conferme, La Bonissima torna in Piazza Grande dal 16 al 18 ottobre 2020, riproponendo per l’undicesimo anno tutto il suo carico di gusti e profumi. Il Festival del gusto e dei prodotti tipici modenesi, organizzato da SGP Eventi, in collaborazione con il Comune di Modena e con il contributo de la Camera di Commercio di Modena Tradizioni e Sapori e BPER Banca, è ormai un appuntamento fisso e irrinunciabile per i buongustai e per tutti gli amanti della cucina, sia tradizionale sia innovativa e sperimentale.

E proprio “Tradizioni e innovazioni” è il tema dell’edizione di quest’anno, un fil rouge che legherà il mercato delle eccellenze e gli eventi collaterali, per la prima volta ospitati interamente nella piazza Patrimonio Unesco dell’Umanità dal 1997 assieme a Duomo e Torre della Ghirlandina.

Come in ogni piatto che si rispetti, l’equilibrio tra gli “ingredienti” è da sempre il segreto del successo de La Bonissima e lo sarà a maggior ragione anche quest’anno: la manifestazione, che si terrà nel pieno rispetto delle normative anticovid, si propone come occasione imperdibile per trascorrere un weekend all’insegna del gusto, in tutta sicurezza, tra mercato delle eccellenze, showcooking e degustazioni.

Le novità introdotte per quest’edizione si sposano con le importanti conferme, tutt’altro che scontate: “Vorrei ringraziare – sottolinea Paolo Storchi, responsabile di SGP eventi – i produttori che hanno confermato la propria presenza anche per questo particolare anno. È stato fatto uno sforzo importante da parte di tutti per continuare a proporre una manifestazione che non solo è molto amata in città e provincia, ma che contribuisce a far conoscere le eccellenze della tavola modenese anche fuori regione, grazie a turisti e visitatori che colgono l’occasione per visitare Modena durante il weekend de La Bonissima”.

Dunque anche quest’anno per tre giorni Piazza Grande si trasformerà in una vetrina delle eccellenze agroalimentari e gastronomiche del territorio, vere e proprie specialità spesso difficili da trovare sugli scaffali dei negozi poiché la quantità limitatissima prodotta ne rende difficile il commercio. Direttamente da aziende agricole, pasticcerie, laboratori artigianali e piccoli produttori, materie prime eccellenti saranno a disposizione del pubblico per l’acquisto e, in casi selezionati, per l’assaggio e il consumo sul posto. Non mancheranno tutti i simboli della cucina modenese, dal gnocco fritto a base di ingredienti a Km 0 ai borlenghi preparati con ingredienti semplici e un procedimento spettacolare, poi serviti caldi con lardo e aromi, fino alle crescentine/tigelle. E ancora, Parmigiano Reggiano, Aceto Balsamico, Prosciutto di Modena, tortellini, per passare poi ai prodotti del bosco (funghi, tartufi, mirtilli) e alle prelibatezze dolci, cioccolato, praline, croccante e macaron.

A completare e arricchire il programma della manifestazione, tante iniziative collaterali, per la prima volta tutte ospitate in Piazza Grande: degustazioni e visite guidate, showcooking, laboratori di cucina e contest. Tra gli eventi da segnalare spicca lo showcooking basato, così come il tema di questa edizione, su “ tradizioni e innovazioni”. Insieme alla food blogger Lorella Giugni di “In cucina con Lorella” verranno preparati quattro piatti, due della tradizione emiliana e due piatti innovativi per una sfida tra aspiranti chef. Presenta l’esperto gourmet Stefano Reggiani. Non mancheranno le attese premiazioni: a decretare il Re del Mercato, alla presenza del Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, sarà una giuria composta da esperti gourmet modenesi – Stefano Reggiani, Pier Luigi Roncaglia, Luca Bonacini e Norberto Magnani –, che degusterà i prodotti degli espositori, valutandone caratteristiche organolettiche, lavorazione artigianale, qualità e bontà di ciascuno, assegnando il premio principale e le menzioni speciali. Alla memoria di Luigi Carnevali – sommelier, delegato provinciale AIS e tra i promotori del Festival – scomparso nel 2019, è dedicato il premio “Giovani vignaioli”: tre nuovi imprenditori locali di lambrusco verranno premiati – con la partecipazione del Sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli Presidente della Provincia di Modena Gian Domenico Tomei– per l’impegno e il lavoro svolto in pochi anni di attività; a sceglierli sarà un commerciante, Enrico Zanella del Cicchetto Bottega di Carpi e Modena.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cibo e Vino, potrebbe interessarti

I più visti

  • Spilamberto, Vignola e Castelvetro: alla scoperta dei borghi delle Terre di Castelli con Free Walking Tour

    • dal 19 settembre al 14 novembre 2020
    • Terre dei Castelli
  • Diventare istruttore cinofilo? A Modena si può

    • dal 22 febbraio 2020 al 23 gennaio 2021
  • "PAM!", gli artisti modenesi contemporanei si riuniscono in una mostra a tre sedi

    • Gratis
    • dal 5 settembre al 7 novembre 2020
    • vedi articolo
  • "Hare to ke ハレとケ": a Maranello un nuovo ciclo di incontri sull Giappone, tra sacro e quotidiano

    • Gratis
    • dal 5 settembre al 14 novembre 2020
    • Biblioteca Mabic
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    ModenaToday è in caricamento