Al Parco Ducale la quinta edizione della rassegna di burattini "In baracca con Alex"

Ritorna ai Giardini Ducali di Modena la rassegna di burattini “In baracca con Alex”, giunta alla quinta edizione. Venerdì 11 settembre con “I tre servi alla prova”, sabato 12 con “La Ginevra degli Almieri” e domenica 13 con “Arlecchino Cavadenti”, tre spettacoli in tre giorni per le teste di legno, sempre alle 18.30, per i “Giardini d’Estate” di Ert, nell’Estate modenese 2020 del Comune con sostegno di Fondazione di Modena e Gruppo Hera. Tutti gli spettacoli sono gratuiti (offerta libera per le attività collegate al progetto), su prenotazione e nel rispetto delle misure anti Covid-19; mascherine, distanziamento interpersonale, igienizzazione delle mani. Prenotazione obbligatoria: via mail a biglietteria@emiliaromagnateatro.com; alla biglietteria del Teatro Storchi (giovedì, venerdì, sabato 10 - 14, tel. 059 2136021) o al botteghino ai Giardini Ducali (da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo).

“In baracca con Alex”, è un progetto nato nel 2016 dall’associazione culturale modenese “I burattini della Commedia” in collaborazione col Comune di Modena, i bolognesi di “Fuori porta”, Mattia Zecchi, Riccardo Pazzaglia, il “Maestro” Romano Danielli, Stefania Galliani moglie di Alex. Insieme per ricordare l’amico burattinaio Alessandro Barberini, scomparso nel 2014, che condivideva e portava avanti l’idea del valore anche terapeutico dell’arte del raccontare storie con “le teste di legno”.

La rassegna a lui intitolata ha, oltre a quello di portare allegria a grandi e piccoli, l’obiettivo di promuovere e sostenere progetti solidali e di “puppet therapy”.

Il programma, il progetto e le iniziative collegate sono stati presentati giovedì 10 settembre ai Giardini Ducali da Andrea Bortolamasi, assessore alla Cultura; Elisabetta Della Casa di “Burattini della Commedia”; Lorenzo Iughetti e Monica Cellini, direttore e medico della struttura complessa di oncoematologia pediatrica del Policlinico; Ilaria Barberini, figlia di Alex; Moreno Pigoni burattinaio; Simona Cristoni del coordinamento pedagogico del Comune di Modena.

In apertura di rassegna, venerdì 11 settembre alle 18.30, lo spettacolo “I tre servi alla prova” con i burattini di Mattia Zecchi sarà introdotto dalla dottoressa Cellini e dal professor Iughetti che presenteranno il progetto “In baracca con Alex 2020/21”. Sabato 12 alle ore 18.30 la rassegna prosegue sul palco dei Giardini con “La Ginevra degli Almieri” messa in scena per l’occasione da tanti burattinai insieme: Romano Danielli, Mattia Zecchi, Marco Iaboli, William Melloni, Riccardo Pazzaglia, Moreno Pigoni e Grazia Punginelli. Ultimo appuntamento con i burattini domenica 13 alle 18.30 con “Arlecchino cavadenti” della Compagnia L’Aprisogni, originariamente programmato a luglio e poi annullato per maltempo.

L’iniziativa è in stretta collaborazione con i medici di Oncoematologia e Pediatria del Policlinico, il coordinamento pedagogico del Comune, le insegnanti dello Spazio Incontro dove si svolgono le attività di puppet therapy, innovazione rispetto al modo di concepire la cura nell’infanzia e nella adolescenza, con il burattino che diventa un efficace strumento comunicativo di ausilio a infermieri, medici e psicologi.  Il ricavato del primo anno di “In baracca con Alex” è stato destinato a due borse di studio per il primo corso di specializzazione sull’uso del burattino in ambito sociale, educativo e medico sanitario, attivato da Unimore nel 2017.

Dal 2019 tre aree di Unimore: il Dipartimento di Scienze Umane ed Educazione, la struttura complessa di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico e il Dipartimento di Ingegneria dei Materiali sono coinvolte nella realizzazione di attività volte a migliorare la qualità della vita dei pazienti pediatrici, a rispondere ai loro bisogni e a quelli delle famiglie. Lo scorso anno due specializzande del gruppo di lavoro di pediatria e oncoematologia hanno ottenuto borse di studio per l'alta formazione grazie al contributo di “In baracca con Alex”. Anche per l’anno accademico 2020/21 Unimore proporrà il Master di I livello sul burattino e il teatro di animazione in ambito di cura e in educazione e sulle “Narrative Medicine”, due borse di studio saranno messe a disposizione di studenti o professionisti interessati.

Per questa edizione il progetto, sostenuto da “In baracca con Alex” e da alcune aziende modenesi, è quello di un convegno che coinvolga le scuole pediatriche ospedaliere per fare il punto sulle realtà italiane, il progetto modenese e l’innovazione che rappresentano puppet therapy, narrative medicine e medical humanities per comprendere la salute in un contesto sociale e culturale più ampio.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • "Non è la sagra!", a Castelvetro due settimane di eventi diffusi per celebrare il Grasparossa

    • Gratis
    • dal 13 al 27 settembre 2020
    • Castelvetro
  • Celebrazioni di Luciano Pavarotti, un ricchissimo programma di concerti

    • dal 5 settembre al 12 ottobre 2020
  • Diventare istruttore cinofilo? A Modena si può

    • dal 22 febbraio 2020 al 23 gennaio 2021
  • Escursioni, tre appuntamenti alla scoperta della Via Romea Nonantolana

    • dal 13 al 27 settembre 2020
    • vedi articolo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    ModenaToday è in caricamento