Teatro Storchi, il cartellone degli spettacoli 2017/2018

La Stagione 2017-2018 del Teatro Storchi e del Teatro delle Passioni di Modena è stata presentata in questi giorni in città. Anagoor, Fabrizio Bentivoglio, Franco Branciaroli, Emanuel Gat, Cesare Lievi, Giuliana Lojodice, Sandro Lombardi, Umberto Orsini, Michele Placido, Massimo Popolizio, Stefano Randisi, Àlex Rigola, Teatro delle Albe, Teatro dell’Elfo, Federico Tiezzi ed Enzo Vetrano sono solo alcuni dei nomi protagonisti degli spettacoli che andranno in scena sui palchi dei due teatri cittadini della Fondazione Emilia ROmagna Teatro.

A partire da martedì 5 settembre saranno in vendita tutti i tipi di abbonamento: Prosa 12, Invito a Teatro (riservato ai soci Coop), Insieme a Teatro (riservato ai possessori di Carta Insieme Conad), Passioni, Carnet 7, Carta Teatro, Quattro Card. A cominciare da quest’anno, poi, si segnala un’importante novità: le formule di abbonamento sopra citate saranno affiancate da quattro carte tematiche (con libertà di scelta sulle date degli spettacoli): Carta inSpirito, Carta a Propulsione, Carta Outsider, Carta Protagoniste. Quattro piccole “suite” di spettacoli per ritagliare nel cartellone i principali nuclei tematici che sostengono la programmazione e consentire, così, a ciascuno spettatore di isolare e seguire il percorso che più gli interessa.

Il Cartellone del Teatro Storchi

Le produzioni – Dopo il debutto bolognese, arriva al Teatro Storchi dal 2 al 5 novembre Il Libro di Giobbe: un viaggio inedito nel Vecchio Testamento da cui Pietro Babina, affiancato nel lavoro drammaturgico da Emanuele Aldrovandi, trae un racconto contemporaneo. 
Seguono al Teatro Storchi due debutti assoluti: dal 23 al 26 novembre il nuovo lavoro del Teatro delle Albe, Va pensiero, una creazione corale che indaga la corruzione dell’Italia di oggi in relazione alle ‘speranze risorgimentali’ inscritte nella musica di Giuseppe Verdi; dal 31 gennaio al 4 febbraio La classe operaia va in paradiso: spettacolo adattato per la scena dalla penna di Paolo Di Paolo e costruito intorno ai materiali di sceneggiatura di Elio Petri e Ugo Pirro. Per comprendere il nostro presente, Claudio Longhi sceglie di tornare alla riflessione eterodossa, e a tratti straniante, sull’Italia degli anni ’70 aperta dalla celebre pellicola. Cesare Lievi, regista colto e raffinato che negli anni ha diretto numerosi produzioni per ERT, torna a lavorare con il nostro teatro e lo fa con un progetto ambizioso, Il giorno di un Dio in scena dal 8 al 11 febbraio, in cui dirige un cast di attori italiani e tedeschi per riflettere sulle conseguenze della “riforma” di Lutero. Nato come “opera-dibattito” sulla legalità da un’idea di Giulia Minoli e diretto da Emanuela Giordano, Dieci storie proprio così, sul palco del Teatro Storchi il 19 aprile, sviluppa una ‘ragionata’ provocazione contro quella rete mafiosa, trasversale e onnipresente, che vorrebbe sconfitta la coscienza collettiva.

Le ospitalità italiane – Dal 14 al 17 dicembre L’ora di ricevimento (banlieue), l’incontro-scontro’ culturale, sociale e religioso di una classe di bambini in una scuola nella periferia di Tolosa: Michele Placido dirige qui Fabrizio Bentivoglio nei panni del professor Ardeche. 
Si prosegue dal 17 al 20 gennaio con Giulio Cesare: Àlex Rigola, nome di spicco della scena europea, direttore della Biennale Teatro fino al 2016, porta in scena una versione contemporanea di un testo che racconta il fascino sinistro del potere. Franco Branciaroli riallestisce dal 15 al 18 febbraio uno spettacolo di cui fu protagonista e che divenne un evento per il teatro italiano: la Medea diretta da Luca Ronconi che debuttò nel 1996 al Teatro Donizetti di Bergamo. Dal 23 al 24 febbraio Copenaghen di Michael Frayn, un altro spettacolo che ha scritto la storia del teatro italiano, diventato un classico grazie a tre interpreti straordinari: Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice. Un emozionante viaggio attraverso i misteri del cosmo e del cuore. Al Teatro Storchi dal 1 al 4 marzo Mr. Pùntila e il suo servo Matti, una delle migliori opere di Bertolt Brecht e che il Teatro dell’Elfo ha scelto di allestire in occasione dei sessant’anni dalla morte del grande drammaturgo tedesco. Ispirato all’omonima opera di Fëdor Dostoevskij è Il giocatore, un allestimento, in scena dal 15 al 18 marzo per la regia di Gabriele Russo, in costante bilico fra dramma e commedia che trascina il pubblico in una spirale di gioco d’azzardo.  A tredici anni di distanza dall’Antigone di Sofocle di Brecht coprodotta fra gli altri da ERT, Federico Tiezzi e Sandro Lombardi tornano a confrontarsi dal 12 al 15 aprile con Antigone, uno dei massimi capolavori della cultura attica. Dal 5 al 6 maggio un altro affondo nel mito con Ifigenia, liberata per la regia di Carmelo Rifici, regista e direttore della Scuola del Piccolo Teatro di Milano. Ponendosi nel solco delle libere riscritture del mito di Medea, Medea sulla strada in scena dal 6 al 11 marzo, rivela la “tragedia dello straniero” con la forza del mito greco. Un lavoro esperienziale che invita il pubblico a salire su un vecchio IVECO Daily e a percorrere assieme a una donna rumena l’itinerario con partenza davanti al Teatro Storchi. 

Il cartellone del Teatro delle Passioni

Le ospitalità internazionali – Al Teatro Storchi il 21 e 22 ottobre, nell’ambito di VIE Festival, va in scena in prima nazionale un secondo lavoro di Levan Tsuladze, Begalut – In esilio. Uno spettacolo senza testo che, mutuando i linguaggi del film muto, coniuga coreografia, musica e corporeità fra gioia, humor e tragedia al tempo stesso. Spazio alla giocoleria il 26 dicembre con Humanoptère, la nuova creazione di Clément Dazin, artista dalla poliedrica formazione che dà qui vita a un’allegoria sul mondo del lavoro che cambia. 
Emanuel Gat, coreografo israeliano ma francese d’azione, annoverato fra i più lirici e rigorosi della sua generazione, presenta il 21 e 22 maggio GOLD e SACRE, due pièce costruite rispettivamente sulle celebi “Variazioni di Goldberg” di Bach nell’interpretazione pianistica di Glenn Gould, e sul capolavoro di Stravinskij “Le Sacre du Printemps”. Cantina, allestito in una tensostruttura dal 3 al 5 maggio, è lo spettacolo della compagnia belga Laika, composta da artisti con formazione e background molto diversi fra loro. Uno spettacolo ghiotto e brillante, ma ad un tempo crudele, “cucinato” col sorriso sulle labbra con gli avanzi della Santa Giovanna dei Macelli di Brecht, in prima assoluta per l’Italia.

Per tutte le info: www.emiliaromagnateatro.com

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Biglietteria telefonica - tel. 059/2136021; fax 059/211426
Orari: dal lunedì al venerdì ore 9-13.
Biglietteria Teatro Storchi - Largo Garibaldi 15 - Modena
Orari: martedì dalle ore 10 alle 14 e dalle 16.30 alle 19; da mercoledì a venerdì
dalle ore 10 alle 14; sabato dalle ore 10 alle 13 e dalle 16.30 alle 19.
Biglietteria Teatro delle Passioni - viale Carlo Sigonio 382 - Modena
Aperta solo in concomitanza degli spettacoli programmati, da un’ora e mezza prima dell’inizio della rappresentazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Modena usano... il freddo!

  • Coronavirus, individuati 56 nuovi casi positivi. Due i decessi

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

  • Contagio. Individuati 8 casi nel modenese, tutti in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento