rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Cultura

Allo Storchi torna la rassegna per famiglie "La domenica non si va a scuola"

Cinque gli spettacoli in programma pensati per grandi e piccoli, con inizio tutti alle ore 16.30, occasioni uniche di incontro e condivisione, tra teatro, gioco e immaginazione

Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale torna a realizzare in collaborazione con Conad la rassegna di spettacoli per famiglie La domenica non si va a scuola, in calendario al Teatro Storchi di Modena dal 26 novembre 2023 al 24 marzo 2024.

Cinque gli spettacoli in programma pensati per grandi e piccoli, con inizio tutti alle ore 16.30, occasioni uniche di incontro e condivisione, tra teatro, gioco e immaginazione.

Al termine di ogni appuntamento Conad offrirà la merenda a tutto il pubblico.

"Come Conad Nord Ovest rinnoviamo il nostro sostegno alle rassegne di ERT dedicate alle famiglie – dichiara Michele Orlandi, direttore soci Emilia di Conad Nord Ovest – consapevoli che ora più che mai è importante avvicinare e riportare i bambini a teatro, come momento di incontro e socializzazione, ma anche esperienza di crescita mediante una proposta di alto livello qualitativo come da sempre curata da ERT"

A partire dallo spettacolo del 25 febbraio, gli appuntamenti de La domenica non si va a scuola aderiscono a Sciroppo di teatro, il progetto di ATER Fondazione, in collaborazione con gli assessorati alla Cultura, al Welfare e Sanità della Regione Emilia-Romagna ed ERT, che porta i bambini e le famiglie a teatro con la “ricetta” del pediatra.

Gli spettacoli

Ad aprire il cartellone domenica 26 novembre è la nota fiaba La bella e la bestia, messa in scena dalla compagnia Il Baule Volante con la regia di Roberto Anglisani.

Si narra di un mercante, padre di tre figlie che si smarrisce nel bosco e trova rifugio nel palazzo della Bestia, un essere metà uomo e metà belva. Tentando di rubare una rosa, viene minacciato di morte: la sua unica possibilità di salvezza è che sia una delle su figlie a morire al posto suo. A sacrificarsi, sarà la più bella delle tre, che andrà incontro a un inatteso destino. Una storia che parla con delicatezza al nostro cuore e invita a ricercare la bellezza delle cose e delle persone al di là delle apparenze.

Domenica 4 febbraio è la volta de Il più furbo, Disavventure di un incorreggibile lupo, uno spettacolo d’ombre prodotto da Teatro Gioco Vita, tratto dall’opera dell’acclamato autore di libri illustrati per bambini Mario Ramos, con le sagome di Nicoletta Garioni e Federica Ferraria, la regia e le scene di Fabrizio Montecchi.

Un grande e cattivo Lupo affamato incontra Cappuccetto Rosso ed elabora un piano per mangiarsela: corre a casa della nonna e infila la sua camicia da notte. Ma a differenza della fiaba tradizionale, a questo punto il Lupo esce di casa e resta chiuso fuori. Nel bosco il Lupo, imbarazzato, incontrerà tutti i personaggi delle fiabe (i Tre Porcellini, i Sette Nani, il Principe Azzurro) che mettono in crisi la sua vanità. Un racconto ironico e buffo per ridere tanto del lupo quanto di noi.

Elena Dragonetti dirige Lettere da molto lontano, pièce liberamente ispirata all’opera dell’autore e poeta olandese Toon Tellegen, in scena il 25 febbraio, primo degli appuntamenti aderenti all’iniziativa di ATER Sciroppo di teatro. Il protagonista è Scoiattolo, intento a scrivere lettere ai suoi amici e amiche: la Balena, il Pinguino, il Grillo, la Formica. Arrivano poi tante lettere portate dal vento: l’Elefante chiede a Chiocciola di danzare sul suo guscio per avverare il suo desiderio di essere leggero; la Formica che si sta preparando per partire per scoprire dove finisce il cielo; il Bosco che si prepara al suo compleanno.  Tante storie, tante lettere, tanti personaggi buffi, goffi, imbarazzati o sfrontati, in una giostra che alterna ironia, gioco, poesia, interrogativi grandi quanto il mondo.

Le avventure di pesce Gaetano è il penultimo titolo della rassegna, in scena domenica 10 marzo, una produzione Giallo Mare Minimal Teatro. Un artista multimediale muove i personaggi realizzati in digitale e li fa interagire con l’attrice e una sand artist che scolpisce, modella, disegna con la sabbia con straordinaria abilità creando ambienti e situazioni che tramite una video camera vengono proiettate in diretta.

Si narra la storia di Gaetano, un pesciolino curioso che sogna di fare un grande viaggio: un giorno decide di partire e l’unico modo per andar via dalla sorgente è gettarsi nella cascata. Un atto di coraggio con cui inizia un viaggio alla scoperta del mondo.

Chiude la rassegna domenica 24 marzo Caro lupo, uno spettacolo di teatro d’ombre ideato da Miriam Costamagna e Andrea Lopez Nunes, prodotto da Drogheria Rebelot, in collaborazione con Fondazione TRG e con il sostegno di Festival Mondial des Théâtres de Marionnettes e BIBOteatro.

In una casa in mezzo al bosco vive Jolie, una bambina dalla fervida immaginazione: ama le costellazioni, il suo inseparabile orso di pezza Boh e le cose che fanno un po’ paura. I suoi genitori sono sempre troppo impegnati e non le credono quando Jolie nota una presenza insolita provenire dal bosco, che la affascina e la terrorizza insieme. E quando Boh scompare, Jolie decide di partire alla sua ricerca, verso l’ignoto: si addentra nel bosco, incontra i suoi abitanti, si imbatte in ombre scure e quando pensa di essersi perduta per sempre, Nonno Nodo e Nonna Corteccia le regaleranno la chiave per affrontare la paura.

Info e prezzi biglietti

Abbonamento a 5 spettacoli: intero € 32,00 riduzione CartaInsieme € 27,00, ridotto bambini fino a 12 anni € 20,00 riduzione CartaInsieme € 15,00, ridotto secondo/terzo bambino € 16,00 riduzione CartaInsieme € 11,00

Biglietti. Adulto € 8,00, Bambino (fino a 12 anni) € 5,00, Sconto di € 1,00 per i possessori di CartaInsieme Conad

Prelazione vecchi abbonati: dal 17 al 21 ottobre

Vendita abbonamenti: dal 24 ottobre

Prevendita biglietti: dal 7 novembre

Biglietteria del Teatro Storchi (Largo Garibaldi 15, Modena) Dal martedì al sabato dalle 10 alle 14, martedì e sabato anche dalle 16.30 alle 19

Biglietteria telefonica: 059.2136021 (dal martedì al sabato dalle 10 alle 14). Il giorno dello spettacolo la biglietteria apre alle ore 15.30.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allo Storchi torna la rassegna per famiglie "La domenica non si va a scuola"

ModenaToday è in caricamento