Cultura Frassinoro

Frassinoro, l'abbazia benedettina celebra i 950 anni con un mese di eventi

Dal 24 luglio tanti appuntamenti in programma. La nascita dell'abbazia nel 1071

A Frassinoro, dal 24 luglio, si celebrano i 950 anni della fondazione dell'Abbazia benedettina con un calendario di eventi e appuntamenti che spazia dagli approfondimenti culturali, alle attività ricreative, dalle rievocazioni storiche agli eventi concertistici; le celebrazioni solenni dei 950 anni della fondazione dell'Abbazia benedettina, voluta dalla madre di Matilde di Canossa, Beatrice di Lorena, proseguono fino al 29 agosto.

«Questo importante anniversario - sottolinea il sindaco di Frassinoro, Oreste Capelli - diventa un’occasione di riscoperta della storia, dei tesori dell'Abbazia e delle Terre della Badia e un momento utile per riscoprire tradizioni, forme artigianali ed artistiche che segnano il territorio e si sono sviluppate anche grazie all'impronta culturale data dal cenobio. Il programma non è pensato come un elemento chiuso quanto piuttosto come una serie di iniziative in grado di fare da volano a futuri sviluppi territoriali e per la comunità, che per oltre un mese vivrà un'occasione unica di apertura e visibilità al territorio modenese e non solo».

La proposta prevede numerosi appuntamenti dedicati alle differenti fasce di età: dagli approfondimenti culturali come convegni, incontri con autori e approfondimenti storici, alle attività ricreative come passeggiate su itinerari culturali, dalle rievocazioni storiche agli eventi concertistici e non mancheranno attività rivolte ai bambini e ai ragazzi ed eventi enogastronomici di degustazione e street food.

Per don Luca Pazzaglia, parroco della parrocchia di Frassinoro «anche dal punto di vista religioso si tratta dell’apertura di un anno importante per Frassinoro: la Penitenzieria Apostolica ci ha comunicato che in occasione del 950° anniversario sarà quotidianamente concessa l’Indulgenza plenaria ai fedeli che, dal 29 agosto 2021 al 29 agosto 2022 si recheranno, alle condizioni stabilite, all’Abbazia di Frassinoro».

Il programma è ideato e organizzato dal Comitato per le celebrazioni composto dalla parrocchia di S. Maria e S. Claudio, Comune di Frassinoro, Fondazione di Modena, pro loco di Frassinoro e accademia dell’Archipendolo, in collaborazione con Ideanatura. L’evento di apertura del 24 luglio sarà fruibile anche in diretta streaming, oltre che sul sito di Fondazione di Modena, anche sulle pagine Facebook del Comune di Frassinoro, della Fondazione di Modena e sulla pagina dedicata ai 950 anni dell’Abbazia.

Quasi un millennio di storia

L'abbazia di Frassinoro sorgeva dove attualmente si trova la chiesa parrocchiale di Santa Maria e San Claudio. La chiesa, più volte rimaneggiata, conserva preziosi reperti, come lastre, capitelli, decori architettonici, provenienti sia dall'Abbazia matildica, sia da più antiche strutture, probabilmente una cappella dell'VIII secolo ed edifici sulla via Bibulca collegati a un "hospitale" per viandanti, che furono reimpiegati nell'Abbazia stessa.

La potente Abbazia benedettina fu fondata il 29 agosto 1071 da Beatrice di Lorena e dalla figlia Matilde di Canossa, sul sito di una cappella più antica, posta su una delle strade di transito più importanti dell’epoca: la via Bibulca, così chiamata perché percorribile da un carro trainato da una coppia di buoi. 

Questa caratteristica della via consentì di utilizzare, per la costruzione dell'edificio, pietre di grande valore, provenienti da cave molto distanti, come testimoniano i reperti in mostra nell'abbazia.
Due anni prima della fondazione dell’abbazia, nel 1069, a Frassinoro esisteva soltanto una cappella con un edificio al servizio dei viandanti, utilizzato anche come luogo di tappa e di sosta da Beatrice di Lorena e di sua figlia Matilde quando dal reggiano si recavano nei loro domini nel lucchese.

Il secondo marito di Beatrice di Lorena, Goffredo il Barbuto, si ammalò gravemente e prima di morire organizzò le nozze fra il figlio Goffredo il Gobbo e la figliastra Matilde disponendo anche di fondare due monasteri per realizzare un ordine imposto da Papa Alessandro II in segno di penitenza. 

Goffredo morì la vigilia di Natale del 1069; due anni dopo furono fondate le due abbazie: in Lorena quella d’Orval ed in Italia quella di Frassinoro che fu soppressa nel 1585, dopo una lunga decadenza.
Al tesoro dell'Abbazia apparteneva una rara colomba eucaristica (se ne contano trenta esemplari in tutto il mondo), prodotta a Limoges tra il XII e XIII secolo e tuttora conservata nella chiesa.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frassinoro, l'abbazia benedettina celebra i 950 anni con un mese di eventi

ModenaToday è in caricamento