menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un'opera di Giordano Montosi donata alla Casa di Fausta

Si è tenuta stamattina, sabato 24 novembre 2018 alle ore 11.00 presso la sede di ASEOP Onlus “La Casa di Fausta” in via Campi 166 – Modena, la donazione dell’opera d’arte “Apotema Shock” dell’artista Giordano Montorsi a favore di ASEOP Associazione Sostegno Ematologia Oncologia Pediatrica. L’opera verrà esposta all’interno della Casa di Fausta.

Il Presidente ASEOP Erio Bagni è molto onorato e grato per la donazione ricevuta da parte dell’artista Montorsi, ex docente e titolare di cattedra in “Tecniche e tecnologie delle arti visive”, presso l’Accademia delle Belle Arti di Brera e Milano. Il suo commento all’opera: «Apotema Shock è un'opera singolare, non di facile comprensione per chi lo vede la prima volta. E' un'opera che porta alla mente il turbinio di emozioni, la confusione i mille perché che animano il cuore di chi lo ascolta. Le emozioni che si provano guardando l’opera per la prima volta sono le stesse provate da ogni genitore in concomitanza della comunicazione di diagnosi della malattia del proprio figlio. Il quadro però è anche armonioso per ricordare a tutti il bene più prezioso: la vita, anche nei momenti più bui. Quest’opera saprà accompagnare i genitori che vivono la Casa di Fausta verso la luce della guarigione, poiché dopo il buio improvviso quasi sempre torna il sereno».

Quest’opera è stata realizzata nel 2009, afferma l’artista Montorsi e come altre opere è stata donata ad un’associazione no profit che opera al fianco di un’Azienda Ospedaliera Pubblica come segno di gratitudine alla medicina moderna e alla sanità pubblica. Montorsi infatti è stato ricoverato all’età di 10 anni, ricordo che rimane impresso della sua memoria; questa donazione rappresenta per Lui una forma di sostegno alla Sanità Pubblica, intesa come bene comune, supremo ed universale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento