rotate-mobile
Cultura Centro Storico / Piazza XX Settembre

Arriva in piazza XX Settembre “Cafe’ Zemian”

Al caffè letterario in gialloblù dieci incontri con autori, giornalisti, musicisti e attori modenesi

Ancora una nuova proposta di Modenamoremio, la società di promozione e valorizzazione del centro Storico, per la primavera-estate in corso: si chiama “Ccafè Zemian – caffè letterario geminiano ovvero profeti in patria” ed è una rassegna di dieci incontri, su cinque serate, che occuperà tutti i martedì di giugno ed il primo di luglio, col patrocinio del Comune di Modena e reso possibile dalla sensibilità di Banco BPM.

Sul palco di piazza XX Settembre, proprio all’ombra della Ghirlandina, dalle 20.30 alle 23.00, si potranno seguire incontri all’insegna della letteratura, della recitazione e della musica.

Saranno infatti protagonisti dieci autori modenesi, di generi diversi, giallisti, romanzieri, saggisti, narratori per l’infanzia, chiamati a dialogare con altrettanti giornalisti, incontri che verranno impreziositi da intervalli con brani recitati dalle attrici e dagli attori dell’associazione culturale Il Tempio e con brani musicali eseguiti da giovani musicisti dell’Istituto Vecchi-Tonelli, altre due realtà del tutto cittadine.

Cinque serate, con due incontri per serata (20.30-21.30 e 21.30-22.30), per un evento nuovo che, siamo sicuri, riscuoterà i favori dei molti interessati alla lettura e alle attività di carattere culturale. Da segnalare poi che è stata scelta come sigla delle serate “Modna”, la canzone del cantautore modenese Luca Frigeri.               

Ulteriore iniziativa parallela, ancora una volta vero omaggio alla nostra città, è la realizzazione di una serie di dieci cartoline artistiche con le foto di suggestivi scorsi del centro storico realizzate dagli autori Diego Poluzzi e Stefano Selmi (ART DESIGN), prezioso cadeau che verrà donato ai partecipanti alle serate, una cartolina diversa per ogni incontro, che così si potranno collezionare, sera dopo sera, completando una raccolta di dieci immagini d’autore.

“Si tratta – spiega il direttore di Modenamoremio Angelo Giovannini – di una nuova proposta all’insegna della modenesità che vuole far conoscere e incontrare eccellenze delle nostre terre nei diversi campi dell’intelletto; letteratura, giornalismo, musica e recitazione, tutte espressioni di un modo di essere che fanno parte del nostro modo di essere e della nostra storia. Il tutto in una cornice, piazza XX Settembre che è una delle più vivaci e belle piazze del centro”. 

Il programma 

Saranno dieci gli autori protagonisti del nuovo caffè letterario “Cafè Zemian ovvero profeti in patria”, ideato e organizzato da Modenamoremio, con il patrocinio del Comune di Modena e il contributo del Banco Bpm. Gli incontri, veri e propri book show che prenderanno il via dall’ultimo lavoro dell’autore protagonista, ma che nel dialogo con il giornalista conduttore spazieranno sulla sua più ampia produzione, sulle attività editoriali e artistiche dell’artista dell’evento. Ecco il programma dettagliato.

Martedì 4 giugno:

Ore 20.30 Beppe Zagaglia dialoga con Stefano Marchetti (Resto del Carlino). “L’ultimo Zibaldone”, ARTIOLI 1899 Editore. All’insegna di Modena e della modenesità attraverso gli occhi di un protagonista geminiano che con la sua macchina fotografica e la sua penna ha raccontato decenni di vita, tradizioni e personaggi cittadini. Ai clarinetti Cinmaya Ferrara e Marianunzia Visconti - Leggono Vanna Panciroli e attori e attrici dell'associazione teatrale Il Tempio. 

Ore 21.30 Luca Bonacini dialoga con Francesco Rossetti (Vivo Modena). “Il brindisi del poeta Astemio”, Verdone editore. Gabriele D’Annunzio, il vino, l’amore e la poesia in un saggio acuto e divertente che scopre gli ‘altarini’ di un grande della letteratura italiana con la partecipazione del co-autore Enrico Di Carlo. 

Martedì 11 giugno: 

Ore 20.30 Berto Gavioli dialoga con Maria Vittoria Scaglioni (Gazzetta di Modena). “La casa in città”, PENDRAGON Editore. Un romanzo molto modenese tra Piazza Mazzini e gli anni bui della storia d’Italia, terza opera di uno dei protagonisti culturali modenesi degli ultimi decenni, che inizia con l’omicidio del direttore del teatro comunale, ma che non è solo un giallo. Alle Chitarre Niccolò Coverini e Chiara Goldoni – Leggono attore/attrice dell’associazione teatrale Il Tempio. 

Ore 21.30 Carlo Gregori dialoga con Valentina Reggiani (Resto del Carlino). “I Ricordi di un cacciatore di zanzare”, GALLERIA MAZZOLI editore. Il recentissimo racconto lungo, illustrato da Giuliano Della Casa, di un narratore di successo nato a Milano ma modenese da sempre, noto giornalista e autore di poesie, romanzi e racconti. 

Martedì 18 giugno: 

Ore 20.30 Elisa Cattini dialoga con Valeria Selmi (Resto del Carlino). “Anita tra le stelle”, edizioni ERREKAPPA. L’autrice per l’infanzia porta Anita e il suo papà in soffitta ad esplorare la Luna e i pianeti con la complicità dell’illustratrice Manuela Prandi e del planetario di Modena. Ai fagotti Luna Grasselli e Alice Scacchetti. Leggono attore/attrice dell’associazione teatrale Il Tempio. 

Ore 21.30 Carlo Bertoli dialoga con Annalisa Ansalioni (giornalista free lance). “Il tempo delle diete – cronaca di un martirio impossibile”, OLIGO editore. Un acuto saggio dove l’esperto medico svela miti, ipocrisie, pubblicità ingannevoli, fake news e false soluzioni, con una chiave di lettura per diventare consapevoli interpreti del mondo d’oggi. 

Martedì 25 giugno:

Ore 20.30 Francesco Sala dialoga con Davide Berti (Gazzetta di Modena). “Anime salve”, edizioni ARTESTAMPA. Quarta indagine per il commissario Dallari, nella Modena del Novecento, dopo i tre precedenti romanzi gialli pluripremiati dell’autore, in atmosfere intriganti e personaggi d’altra epoca. Agli Oboi Dalila Melluso e Luigi Verrecchia – Leggono attore/attrice dell’associazione teatrale Il Tempio. 

Ore 21.30 Stefano Ferrari e Miria Burani dialogano con Pierluigi Senatore (Radio Bruno). “Pasolini e Marzabotto – Il prezzo da pagare”, Compagnia editoriale ALIBERTI. Un emozionante reportage giornalistico tra i set dell’ultimo film di Pasolini, l’eccidio nazifascista, la resistenza, fino all’omicidio del poeta, tra ‘Petrolio’ e ‘Salò’. 

Martedì 2 luglio: 

Ore 20.30 Antonio Montefusco dialoga con Silvio Cortesi (Resto del Carlino). “G come Goodman”, edizioni ETA BETA. Eroi per caso si trovano a combattere con un vero e grande ‘potere forte’, e sarà con la fantasia e grazie ad esseri stupefacenti che troveranno la soluzione per salvare il proprio borgo natio, con la partecipazione del co-autore Massimiliano MIlano e l’esposizione dei suoi dipinti. Ai Flauti Carlo Margotti e Shehan Perera – Leggono attore/attrice dell’associazione teatrale Il Tempio. 

Ore 21.30 Luigi Guicciardi dialoga con Paola Ducci (Gazzetta di Modena). “Donne che chiedono giustizia”, Damster-Edizioni del Loggione. Un tema di stretta attualità, in una Modena scenario di crimini caro all’autore, per la nuova indagine del commissario Cataldo, senza dimenticare gli altri ‘commissari’ di questo prolifico giallista.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva in piazza XX Settembre “Cafe’ Zemian”

ModenaToday è in caricamento