Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cultura

“C come città”. Tra camminate “sonore” e macchina scenica

Da lunedì 20 settembre, gli appuntamenti conclusivi del progetto di animazione culturale delle zone Gramsci e Stazione con Amigdala e Teatro dei Venti

Tra camminate “sonore” per le vie della città e la riapertura del cantiere per l’allestimento della macchina scenica da portare in parata, riprendono da lunedì 20 settembre gli appuntamenti aperti a tutti di “C come città”, il progetto di rigenerazione urbana a base culturale pensato dal Collettivo Amigdala e dal Teatro dei Venti per le zone a ridosso della stazione ferroviaria che è iniziato a giugno.

Il progetto, nato da un bando del Comune di Modena, è realizzato nell’ambito del programma di riqualificazione urbana e per la sicurezza della periferia nord della città, con il coinvolgimento delle associazioni e delle realtà che svolgono le loro attività in quelle aree. “C come città” unisce i due progetti presentati dal Collettivo Amigdala per la zona A Gramsci, Sacca, Area nord, e dal Teatro dei Venti per la zona B Stazione, Crispi, Paolo Ferrari.

Si parte lunedì 20 settembre con la riapertura, alle 17, presso il Teatro Tempio (viale Caduti in guerra 196), del cantiere di costruzione scenografica che è il cuore del progetto del Teatro dei Venti, in collaborazione con Teatro Tempio, Punto d’Accordo, Festival della fiaba/Filatoio, Milinda. Chiunque lo desideri può partecipare alla costruzione della macchina scenica che animerà la parata in programma per domenica 10 ottobre. Il cantiere sarà aperto lunedì 20 settembre, mercoledì 22, lunedì 27 e mercoledì 29 settembre, dalle 17 alle 19. Per informazioni si può scrivere al Teatro dei Venti (info@teatrodeiventi.it). A seguire, sono in programma altri quattro incontri, anche in questo caso aperti a chiunque lo desideri, per completare l’allestimento e fare le prove per la parata. L’appuntamento è al magazzino del Teatro dei Venti, in via Morandi 71, sabato 2 e domenica 3 ottobre dalle 14.30 alle 17; sabato 9 e domenica 10 ottobre dalle 9.30 alle 12. La parata inizierà nel pomeriggio di domenica alle 16.30.

Prendono il via martedì 21 settembre, invece, le tre camminate “sonore” aperte a tutti proposte dal Collettivo Amigdala per la zona Gramsci, Sacca e Area nord, un attraversamento poetico del quartiere accompagnato da musica, suoni ambientali e racconti che riguardano i luoghi del cantiere.

La prima camminata in programma parte martedì 21 settembre, alle 18.30, da Porta Nord per arrivare al parco XXII Aprile ed è guidata da Alchemia, Milinda, Gavci, Modena sobborghi, Zero in condotta.

Il secondo appuntamento è per martedì 28 settembre, sempre alle 18.30, con partenza dall’RNord e arrivo in via Staffette partigiane sotto la guida di Aliante, Masa-Unimore, Junto, Euphonia, Museo Quale percussione.

L’ultima camminata si svolgerà martedì 5 ottobre, alle 18.30, dagli orti di viale Gramsci all’RNord. La camminata è guidata da Caritas, Croce Rossa italiana-comitato di Modena, Centro La Fenice, Equilibri, associazione Viale Gramsci, G124.

Le camminate durano circa un’ora e mezza. Nel luogo d’arrivo è previsto un incontro pubblico di approfondimento sui temi emersi nel percorso che, per chi lo desidera, si potrà concludere con una cena (da prenotare) sul posto grazie alle speciali box fornite da Solidarietà d’asporto/Caritas. Per partecipare all’incontro conclusivo e alla cena è necessario essere muniti di Green pass. Per informazioni e prenotazione si può scrivere al Collettivo Amigdala (info@collettivoamigdala.com).

Entrambi i progetti, come sottolineano i proponenti, fanno leva su “comunità, creatività e competenze” e sono basati su una visione dell’arte e dei processi culturali come motori del cambiamento, dando valore alle competenze locali, per riunire la comunità intorno a una visione condivisa e sviluppare una maggiore consapevolezza del territorio, contrastando l’immagine di fragilità che lo caratterizza e promuovendo anche all’esterno, attraverso le azioni artistiche e uno storytelling efficace, il carattere competente, energico e vitale delle due aree in cui si svolgono.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“C come città”. Tra camminate “sonore” e macchina scenica

ModenaToday è in caricamento