Casa delle Donne, un settembre a tinte rosa per un mese di appuntamenti

Spettacoli e performance per raccontare le donne, le conquiste e le imprese. Da mercoledì 4 settembre a Villa Ombrosa un mese di appuntamenti

Performance, spettacoli teatrali e musicali, e letture un ricco programma per “Settembre alla Casa delle donne”, per parlare della  violenza ancora non sconfitta, della conquista della capacità giuridica avvenuta solo da un secolo, la straordinaria esperienza dei “treni della felicità” e gli atelier della libertà.

Una serie di appuntamenti che si svolgono a Villa Ombrosa in strada Vaciglio nord 6, promosso in collaborazione da tutte le associazioni che vi hanno sede e aperto gratuitamente all’intera città, che si apre mercoledì 4 settembre, alle 19.30 con “Via del Gambero 77. Le tante vie della Casa delle donne contro la violenza”.

L’appuntamento di apertura di mercoledì 4 settembre, si svolge nella sala della Casa delle donne e propone un percorso attraverso immagini, sapori e parole delle donne che animano la Casa delle donne contro la violenza. La direzione artistica è di Sara Campedelli ed Elena Montorsi e il buffet è curato dal gruppo cucine migranti.

Il programma degli incontri nella sala della Casa delle donne prosegue sabato 21 settembre con l’iniziativa, che durerà tutta la giornata, dalle 9.30 alle 19.30, intitolato “Diventare persone. Centenario della capacità giuridica delle donne”, a cura del Centro documentazione donna in collaborazione con Associazione donne e giustizia, Crid-Centro di ricerca interdipartimentale su discriminazione e vulnerabilità, e Fondazione Cassa di risparmio di Modena. La giornata si articola in tre momenti: in apertura, una riflessione introduttiva sul “Diventare persone”; nella parte centrale della mattina tre lezioni magistrali sui diritti delle donne, l’emancipazione, le pari opportunità; nel pomeriggio una performance narrativa interattiva per bambini, bambine e famiglie (a cura dell’associazione PopHistory), a cui seguirà il monologo “Figlie dell’epoca. Donne di pace in tempo di guerra” di e con Roberta Biagiarelli.

Venerdì 27 settembre, alle 20, andrà in scena “Criucc’ – I treni della felicità”, spettacolo teatrale che racconta, con ironia e poesia, la vicenda dei treni della felicità con, nel dopoguerra, vide protagoniste le donne dell’allora nascente Udi e centomila bambini che trovarono una possibilità di vita grazie alla solidarietà che si innescò in tutta Italia. Lo spettacolo è scritto da Laura Pace che ne è anche regista e protagonista insieme a Stefano Greco (autore delle musiche e delle canzoni), con la partecipazione musicale di Julius Cordioli, a cura di Udi e Donne nel mondo Modena. Seguirà un apericena.

Sabato 28 settembre, dalle 11 alle 18, si svolge l’Atelier delle libertà che si apre con l’esibizione di Le Core e Le Chemin des femmes, cui seguirà un buffet preparato da Cucine migranti. Alle 14, la presentazione del progetto Atelier con dimostrazione di make up e hair style e inaugurazione della mostra fotografica di Michele Lapini. Il progetto è finanziato dalla donazione del V-Day di Modena e curato dalla Casa delle donne contro la violenza.

Il programma si chiude lunedì 30 settembre, alle 18, con la presentazione del libro “Libera ogni gioia. I segni delle cittadine a Modena tra Liberazione e Costituzione 1945-1948” di Giovanni Taurasi e Caterina Liotti.

Il programma del settembre alla Casa delle donne prevede anche “Racconti sotto l’albero”, due appuntamenti nel parco della Villa riservati a bambini e bambine: il primo, mercoledì 18 settembre, con letture animate per i piccoli fino ai tre anni; il secondo, mercoledì 25 settembre, con letture per bambini dai 3 ai 6 anni. Entrambi gli appuntamenti iniziano alle 16.30 e sono curati dall’associazione Differenza maternità.

Un evento romosso dalla Casa delle donne, con il patrocinio del Comune, il contributo della Fondazione Cassa di risparmio di Modena e il sostegno di Coop Alleanza 3.0. La Casa delle donne riunisce le associazioni Casa delle donne contro la violenza, Centro documentazione donna, Differenza maternità, Donne nel mondo, Gruppo donne e giustizia, Unione donne in Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni: Provincia di Modena in linea con la Regione. Via Emilia targata Pd

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

  • Bambina di sei anni precipita dalla seggiovia, paura sul cimone

  • Spaccio e clandestini, chiuso per dieci giorni il bar Nuovo Fiore

  • Regionali. Bonaccini esulta, domani sera festa in Piazza Grande

Torna su
ModenaToday è in caricamento