Curiosità Modenesi | L'ultima casa delle fate presso il lago Pratignano

A causa del dominio degli uomini sulla pianura e la collina, le fate avrebbero trovato rifugio in una Grotta alle radici del lago Pratignano, e lì sarebbero state scoperte dai Celti

Il nostro Appennino modenese è ricco di leggende e di luoghi curiosi, tuttavia uno solo viene identificato come la casa delle fate, ovvero il lago Pratignano. Posto a 1307 metri di altitudine, nei pressi di Ospitale e non troppo lontano da Fanano, questo lago è spesso meta per i turisti delle nostre montagne in cerca di aria fresca e di passeggiate immerse nella natura. Eppure, questo è anche il luogo dove abiterebbero le ultime fate, scappate dai territori più vicini alla pianura dove ormai l'uomo ha preso il dominio, e sempre secondo la leggenda abiterebbero presso una grotta.

A differenza di altri luoghi leggendari dei nostri Appennini, dove non è chiaro dove si trovino le abitazioni di personaggi e creature fiabesche, delle fate sappiamo la precisa collocazione, ovvero nei pressi del versate rapidissimo che dà sulla valle del Dragone. La Grotta delle Fate si presenta come un buco profondo e buio, nel quale è sconsigliato accedervi e nelle cui profondità abiterebbero queste creaturine dai poteri sovrannaturali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Perché le fate proprio in quel luogo? Secondo la tradizione culturale celtica e del nord Europa, così come dell'Europa dell'est, le fate sarebbero creature che proteggono la natura e i suoi abitanti, e infatti la parola "fata" deriva dal "fato", e sono meglio descritte come "l'anima della Natura". Non è un caso che questa leggenda sia sorta proprio in quel luogo, infatti qui si stabilirono, dopo la sconfitta in pianura contro i Romani, i celti per rifugiarsi e qui edificarono le proprie capanne presso Fiumalbo e il torrente Scotenna. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piatto dell'anno 2021, Massimo Bottura sperimenta e vince ancora

  • Castelvetro, motociclista si scontra con un trattore e perde la vita

  • Rapina nella villa di Luca Toni, famiglia legata e minacciata con la pistola

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Nuovo Dpcm a breve: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Contagi, 123 casi nel modenese: 2 in Terapia Intensiva. Quattro decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento