Curiosità Modenesi | Le tre curiosità che non sapevi su San Geminiano

La storia di San Geminiano è molto più misteriosa e molto meno documentata di quello che pensiamo

Sembra impossibile ma di San Geminiano sappiamo davvero poco e quello che ci è stato tramandato risale e quasi mille anni dopo la sua morte. In effetti, di lui potremmo dire che è stato un grande Santo, capace di miracoli e di eventi straordinari, ma quasi tutti sono avvenuti dopo la sua morte. E se ciò non bastasse considerate che l'unica volta in cui è stato scritto il nome di un vescovo "Geminiano" non è a Modena ma a Milano nel 390 quando venne invitato a presiedere al Concilio con il quale sarebbe stato condannato un eretico dal nome Gioviniano. 

La doppia evangelizzazione

Le storie su San Geminiano sono caratterizzate dalla perenne attività del vescovo modenese nel convertire i cittadini. Infatti Geminiano, vivendo nel IV secolo d.C. abitava in una Modena ricca di fedeli pagani che condividevano la vita civile con i cristiani. San Geminiano è passato alla storia per aver convertito molti modenesi pagani in città, eppure non andarono esattamente così le cose. Infatti, in contemporanea al cristianesimo di San Geminiano, che potremmo definire Cattolico, c'era un altro cristianesimo ovvero quello Ariano, secondo i quali Gesù era stato creato da Dio come qualsiasi altra cosa, animale o persona. Per tale motivo è molto probabile che San Geminiano non fu impegnato solo in una evangelizzazione, ma in una doppia evangelizzazione.

Non nacque a Cognento

Secondo la leggenda San Geminiano sarebbe nato a Cognento, eppure non vi sono prove dell'epoca che attestino tale situazione. Infatti, la tradizione di un San Geminiano bambino a Cognento è arrivata con il medioevo, quando iniziò a circolare la leggenda della fonte miracolosa. Ma fu solo una leggenda? In effetti, non potremmo essere così categorici, poiché presso tale Fonte di miracoli ne sono avvenuti vari, gli persino nel Novecento. Perciò probabilmente non nacque a Cognento, ma qualcosa lì è avvenuto.

I tre Geminiani

Non tutti lo sanno ma di vescovi dal nome Geminiano non ve ne fu uno solo, ma ben tre. Il primo quello che tutti conosciamo ovvero il Santo Patrono, poi un secondo nel 458 e un terzo nel 782. Quello più interesante è tuttavia Geminiano II, infatti egli fu vescovo nello stesso periodo in cui scese in Italia Attila con i suoi Unni. Secondo la leggenda San Geminiano avrebbe fatto calare sulla città la nebbia, così che gli invasori non potessero vedere Modena. A logica tale avvenimento è impossibile, dato che comunque seguendo la via Emilia gli Unni in Modena si sarebbero comunque abbattuti. E' più probabile invece che l'abbiano superata la nostra città disinteressati. Fatto sta che la coincidenza tra il nome del vescovo di quel periodo e la nebbia che probabilmente si accumulò in quelle settimane, portò alla leggenda che tutti noi conosciamo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra "ribelle" GimFIVE di Modena Est riapre oggi. Arriva la polizia

  • #IoApro, si allarga anche a Modena la protesta dei commercianti per riaprire tutto il 15 gennaio

  • Coronavirus, oggi dati in netto calo in Emilia-Romagna. A Modena 203 casi

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • Coronavirus, percentuale di positivi in crescita. A Modena altro picco

  • Bozza Dpcm 15 gennaio in arrivo le nuove restizioni. Emilia-Romagna a rischio rosso

Torna su
ModenaToday è in caricamento