menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di www.ferrarimaseratiofatlanta.com

foto di www.ferrarimaseratiofatlanta.com

Curiosità Modenesi | Perché nel modenese sono nate le migliori case automobilistiche?

Perché proprio nel territorio tra Modena e Bologna sono nate le migliori case automobilistiche del mondo? Non è un caso, infatti ci potrebbe essere una spiegazione scritta nella storia medievale della nostra città

Che le terre modenesi e bolognesi siano le più importanti in Italia, e tra le più importanti al mondo, per i motori di alto e altissimo livello non è certo chi abita questi luoghi a dirlo, ma i numeri e la fama dei brand. Basti pensare che la Ferrari si è confermata terzo brand più noto in Italia ed è stata menzionata nella classifica mondiale tra i brand più riconoscibili e conosciuti di tutti. Si tratta di uno schiaffo forte e chiaro alla Mercedes che fino a qualche giorno fa faceva video satirici in giro per Maranello

E non è solo la Ferrari ad avere questo ruolo, perché a pari merito di innovazione si trovano altri brand automobilistici di grandissimo spessore, come Maserati, Pagani e Lamborghini. Ancor più pensate al fatto che quando nacque la Ferrari la sua prima sede, che come abbiamo raccontato non fu a Maranello bensì a Modena, si trovava a 300 metri dalla Maserati. E sapete perché? Perché come ho potuto raccontare nel documentario "Maserati 100 anni di passione", accadeva spesso che le due aziende cercassero le risorse umane migliori, prendendole casomai dal concorrente. 

Eppure ci potrebbe essere un'origine ancora più antica, infatti, nel territorio modenese la ricerca e la produzione di macchinari non è certo iniziata con le automibili da corsa, ma risale a molti secoli prima. Questa è infatti una terra che ha visto negli ultimi secoli una prevalenza del settore primario, con la necessità per i proprietari terrieri di avere macchinari specializzati sempre all'avanguardia, specialmente perché si trattava di possedimenti davvero molto grandi.

Una storia, quella dei lavoratori dei macchinari, ha però un'origine ancora più antica infatti risalirebbe al basso medioevo quando  esisteva a Modena la Corporazione dei Ferraioli. Si trattava della corporazione dedita allo studio dei possibili utilizzi del ferro, che poi sarebbe stato usato in particolare per le macchine agricole. E uno dei più noti tra questi professionisti è stato Ciro Menotti, che per primo portò a Modena le macchine a vapore per far girare le sue filande. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento