rotate-mobile
Cultura

E' uscito "E' così che si muore", il nuovo thriller del modenese Giuliano Pasini

L'autore di "Venti corpi nella neve", romanzo divenuto un caso editoriale di grande successo, torna con una nuova indagine nel borgo montano di Case Rosse

E' disponibile in libreria "E' così che si muore", il nuovo thriller dello scrittore originario di Zocca Giuliano Pasini ed edito dalla casa editrice Piemme. Il romanzo è ambientato nella zona di Case Rosse, minuscolo borgo sull'Appennino emiliano, e segna il ritorno del commissario Roberta Serra, protagonista del romanzo d'esordio di Pasini, intitolato "Venti corpi nella neve", vincitore di un concorso per scrittori esordienti e divenuto un caso editoriale di grande successo.

Con "E' così che si muore" l'autore coinvolge il lettore nella seconda indagine del commissario Serra, poliziotto anomalo e in fuga dai suoi fantasmi, che questa volta non è solo nella risoluzione dell'indagine, ma affiancato dall'esuberante e fragilissima agente Rubina Tonelli.

Il libro verrà presentato a Vignola il prossimo 4 febbraio alle ore 18 presso il Teatro Cantelli. Di seguito la sinossi del romanzo.

Sinossi de "E' così che si muore"

Sono passati dieci anni dall’ultima volta che il commissario Roberto Serra ha dovuto seguire un’indagine a Case Rosse, borgo di mille anime arroccato sull’Appennino emiliano in cui ha avuto luogo uno dei crimini più brutali della sua carriera. Ha chiesto lui di essere assegnato di nuovo a quel minuscolo commissariato tra le montagne e i campi, perché lì pensava di poter sfuggire ai fantasmi che accompagnano le sue notti e provare a rimettere insieme i pezzi della sua vita. È un giorno di maggio uguale a tanti altri quando viene chiamato nella frazione di Ca’ di Sotto per un incendio. Il cadavere di Eros Bagnaroli, detto il Burdigòn, lo scarafaggio, viene ritrovato carbonizzato in quel che resta della sua casa, ma sul suo corpo ci sono ferite che nessun fuoco è in grado di provocare: è stato sgozzato, come si fa da quelle parti col maiale. Inizia così la seconda indagine di Serra a Case Rosse, e un muro invalicabile di omertà sembra di nuovo circondarlo, mentre la Danza, il suo male oscuro, gli crolla addosso quando meno se lo aspetta. Questa volta, però, non è solo. Al suo fianco c’è l’esuberante, rissosa e fragilissima Rubina Tonelli, anche lei con la sua parte di fantasmi e cicatrici. Per entrambi, cercare la verità sarà un modo per salvarsi. O per condannarsi definitivamente.

L'autore

GIULIANO PASINI Nato a Zocca, è un orgoglioso uomo d’Appennino che vive in pianura, a Treviso. Socio di Community, una delle più importanti società italiane che si occupano di reputazione, è presidente del Premio Letterario Massarosa e in giuria di altri concorsi italiani e internazionali. Il suo esordio, Venti corpi nella neve (ora Piemme), diventa subito un caso editoriale. Seguiranno Io sono lo straniero e Il fiume ti porta via (entrambi Mondadori), tutti con protagonista Roberto Serra, poliziotto anomalo e dotato di grande umanità, in perenne fuga da sé stesso e dal male che lo affligge. È così che si muore ne segna il ritorno a Case Rosse dieci anni dopo il primo romanzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' uscito "E' così che si muore", il nuovo thriller del modenese Giuliano Pasini

ModenaToday è in caricamento