Cultura Crocetta / Via Nonantolana, 265

Festa del libro alle scuole Collodi, inaugurata una "Little free library"

Un'intera giornata dedicata al piacere della lettura per i bambini delle "Collodi", che da mercoledì scorso ha attivato anche una postazione di book crossing per bambini e genitori

Gli alunni della scuola primaria Collodi e dell’omonima materna di Modena, nella giornata di mercoledì 18 aprile scorso, hanno trascorso l’intero tempo scuola in un modo diverso dal solito. Sono partiti da casa “leggeri”: uno zainetto con pranzo al sacco ed un libro, uno qualsiasi, un romanzo, un fumetto, un libro illustrato. Arrivati a scuola, al suono della campanella, sono entrati e lo hanno depositato nelle aule di appartenenza poi sono tornati fuori e si sono disposti a semicerchio davanti all’entrata della scuola. Qui hanno intonato una simpatica canzoncina dedicata ad un topolino speciale, un topo appassionato di lettura. Un “topo da biblioteca”.

La giornata è stata infatti interamente dedicata alla magia dei libri e della lettura ed è stata anche l’occasione per inaugurare la nuovissima “LITTLE FREE LIBRARY”, un box che da ieri è collocato appena fuori dall’ingresso dell’edificio che conterrà tanti libri a disposizione dei giovani lettori che vorranno leggerli prendendoli a prestito con la sola regola di prendere un libro per lasciarne un altro, in modo che non manchino mai. La realizzazione di questo scrigno pieno di storie è stata possibile, oltre che grazie all’impegno dell’attivo Comitato Genitori sempre in collaborazione con il gruppo dei docenti, anche al preziosissimo contributo finanziario della filiale della Banca Popolare “SAN FELICE 1983” di via Nonantolana, a Modena. All’inaugurazione infatti ha presenziato, in veste di ospite ufficiale, il dirigente della stessa, il rag. Umberto Morandi.  I libri da collocare nella “little free library” sono in parte offerti come fruizione libera da parte di alcune biblioteche della città, in parte acquistati grazie all’iniziativa “IO LEGGO PERCHÉ” dello scorso ottobre, in parte donati dalle famiglie.

Le varie classi e le sezioni della materna hanno poi trascorso la mattinata e il pomeriggio all’aperto, nel giardino della loro scuola, impegnati in attività accomunate proprio dal piacere di leggere e raccontare. All’ombra di un grande albero i bambini della materna, a turno, dopo aver indossato una magica corona, hanno recitato le storie che le insegnanti hanno realizzato per loro su pagine dense di colori e parole in stampato maiuscolo, qua e là gli alunni delle elementari, a gruppetti hanno letto gli uni per gli altri, altrove si è giocato a memory o al gioco dell’oca avendo come tessere le copertine e i personaggi dei libri stessi, poi laboratori di manipolazione e pittura sempre di argomento “letterario”. Gli alunni delle seconde hanno poi drammatizzato le Avventure di Pinocchio per i loro compagni. Non sono mancate due madrine d’eccezione, Rita Goldoni ed Emanuela …. che, con le loro parole, così come il pifferaio magico, hanno accompagnato i bambini in mondi fantastici. 

Sui muri esterni dell’edificio, chi fosse passato per le Collodi mercoledì, avrebbe potuto leggere delle frasi che i bimbi stessi avevano selezionato da alcuni libri, ritenendole significative rispetto alle attività di riflessione e discussine che si svolgono all’interno delle loro classi,  come “… si sa, al mondo bisogna aiutarsi l’uno con l’altro” tratta da Pinocchio o “……il risultato è che nella tua classe ora esistono due leggi: quella giusta, della maestra e del preside, l’unica che dovrebbe valere; e quella illegale, la legge del più forte.” dal testo "Per questo mi chiamo Giovanni di Luigi Garlando". Il successo di questa giornata dedicata ai libri in festa è la dimostrazione che quando tra una scuola radicata sul territorio e il territorio stesso si crea una reale sinergia i buoni risultati non si fanno attendere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa del libro alle scuole Collodi, inaugurata una "Little free library"

ModenaToday è in caricamento