L'Istituto Storico di Modena festeggia 70 anni di attività raccontando di sé

"70 anni | 70 eventi": questo il titolo del racconto in pillole dell'attività dell'Istituto che ripercorre i tratti salienti della sua storia che trae le origini dalla Resistenza

L’Istituto Storico di Modena, mercoledì 18 novembre compie 70 anni. La quantità delle attività svolte, dei contributi da esso dati alla ricostruzione della memoria e la fittissima serie di legami tessuti da quest’istituzione nel corso di questi anni proiettano l’immagine di una realtà dinamica e profondamente immersa nelle maglie della società locale. “Gli istituti storici – dice Daniela Lanzotti, Presidente dell’Istituto Storico di Modena - sono gli archivi della società civile. Raccontano come e quanto negli anni i cittadini e le cittadine si sono organizzati per promuovere valori e azioni che hanno ispirato le loro vite. Modena è una terra ricca di queste esperienze, multiformi e profondamente ancorate nella storia dei suoi abitanti, delle sue istituzioni politiche, sindacali e culturali tali esperienze hanno reso ricca l'esperienza collettiva dei nostri territori”.

Basta visitare il sito web ufficiale dell’Istituto per rendersi conto della vivacità e della profondità dell’azione di questa istituzione, che continua a progettare ed a rinnovarsi, per mantenere alta l’attenzione del pubblico su quei valori dai quali è appunto nato e dei quali va fieramente orgoglioso. 

“La nostra ricerca storia è praticata da professionisti non solo preparatissimi - aggiunge la Presidente Lanzotti – ma anche capaci di coinvolgere un pubblico sempre nuovo, di parlare a persone di diversissime fasce d’età, dai docenti delle nostre scuole fino ai loro alunni più piccoli. I viaggi e gli itinerari della Memoria, ad esempio, sono tra le più seguite e sentite iniziative didattiche promosse dall’Istituto Storico in questi anni. [...] Iniziative che l’Istituto spera di poter riproporre una volta superata l’emergenza Covid”.

L’importanza del 70° anniversario della fondazione verrà sottolineata da una serie di eventi e nuove iniziative tese a consolidare la visibilità e la presenza dell’Istituto nella società attuale ed anche far capire quali e quanti siano i campi d’azione e di interesse dell’Istituto.

70 anni | 70 eventi: la storia dell’Istituto storico in pillole

70 anni | 70 eventi è il racconto in pillole dell’attività svolta dall’Istituto in provincia di Modena da settant’anni ad oggi. Una storia che parla di migliaia di iniziative o attività rivolte sia al pubblico che alla scuola; di decine e decine di libri, della conservazione della memoria della società civile. Il documento, disponibile on line sul sito dell’Istituto, ha selezionato, proponendole in ordine cronologico, le 70 iniziative più rilevanti realizzate nel corso di tutti questi anni dell’attività. In modo sinottico permette ai visitatori di cogliere la dimensione delle attività svolte ed il ruolo svolto dall’Istituto nella società modenese dagli anni Cinquanta ad oggi. Le iniziative pensate specificamente in occasione del 70° anniversario sono quelle che è stato possibile mantenere in seguito all’entrata in vigore delle nuove misure antiCovid, ma accanto a queste continueranno a svolgersi live on line tutte le conferenze e le iniziative già in programma: tra queste quelle del ciclo Rivoluzioni ed il corso di aggiornamento per docenti Lo sport e la storia del 900, che prenderà il via il prossimo 11 dicembre.

Campagna di associazione

Essendo un ente senza scopo di lucro, da sempre l’Istituto pone particolare attenzione alle campagne di adesione; esso vive infatti grazie al sostegno degli enti locali e dei propri soci. Aderire significa dare un concreto aiuto allo sviluppo dei progetti dell’istituto, ma nella consapevolezza di sostenere e condividere un progetto culturale che mette al centro del proprio sviluppo il rapporto tra storia, memoria ed identità territoriale e di entrare a far parte di una delle più importanti istituzioni culturali attive nella provincia.
E quest’anno la celebrazione del 70° anniversario della fondazione sarà sottolineata anche nella nuova campagna di adesione: ai soci ordinari verrà donato, all’atto dell’adesione un volume a scelta tra le proprie pubblicazioni, mentre ai soci sostenitori anche quaderni personalizzati per il 70° anniversario della fondazione. Le quote di adesione vanno dai 15 euro dei soci ordinari ai 30 dei soci sostenitori che possono aderire versando sul conto UNICREDIT BANCA. IBAN: IT 13 M 02008 12907 000002923305 con causale “Quota associativa 2021”, ma sostenere l’istituto è sempre possibile anche destinando il proprio 5 per mille in sede di dichiarazione dei redditi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Coronavirus, si conferma il calo in regione. Ma anche oggi 50 decessi

  • Rallentano contagio e ricoveri in provincia di Modena. 11 decessi

  • Covid. Contagi stabili in regione, ma record di decessi. Modena scende

  • Contagio a Modena, 573 nuovi casi e 7 decessi. Ricoveri stabili

Torna su
ModenaToday è in caricamento