menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Italia chiama Cile, Ari Carpi in collegamento radio con Capitan Pastene

I radioamatori dell'associazione carpigiana gestiscono un bel progetto di scambio, raccontando l'impresa degli immigrati modenesi che oltre un secolo fa si trasferirono all'ombra delle Ande

Nel mese di marzo ricorre il 117° anniversario dell’arrivo dei coloni italiani in Cile dove fondarono un insediamento col nome “Nuova Italia”, poi diventata Capitan Pastene. Per questa ricorrenza il Radio Club Traiguen in Cile ha chiesto la collaborazione dei radioamatori della sezione ARI Carpi per raccontare attraverso le loro radio ed antenne a tutto il mondo l’avventura di questi coloni Italiani partiti dall’appennino modenese per andare dall’altro capo del mondo e rifarsi una vita. In realtà incontrarono molte più  difficoltà di ciò che pensavano, ma la loro grande forza di volontà e tenacia permise loro di creare l’attuale città Capitan Pastene .

Ari Carpi è una comunità di radioamatori che ha fatto della radio il proprio hobby ma è sempre disponibile nel promuovere attività di interesse socio culturale e trasmettere ad altri la storia, le tradizioni, i valori e le esperienze del territorio in cui è nata. Pertanto a seguito di ciò l’Associazione Antonio Parenti, alla richiesta degli amici Cileni di essere contattati da radioamatori Italiani si è subito prodigata interpellando la sezione ARI Carpi, la quale immediatamente ha accolto con entusiasmo tale iniziativa facendosi carico dell’organizzazione e della buon riuscita dell’avvenimento pur sapendo che molti collegamenti saranno difficoltosi perché dipendenti dalla propagazione ionosferica, oltre che influenzati dalle condizioni ambientali.

L'niziativa ha raccolto il plauso anche dai Comuni di Pavullo nel Frignano e Zocca i quali sono gemellati con la cittadina di Capitan Pastene.

Quindi dal 12 al 28 marzo i radioamatori nel mondo che collegheranno le tre stazioni radioamatoriali speciali Cile, Argentina ed Italia riceveranno un diploma commemorativo dell’evento.
Questo è un’ulteriore occasione, attraverso una diversa modalità di comunicazione per tenere vivo il ricordo di quell’emigrazione avvenuta negli anni 1904/05 quando dalle montagne dell’appennino Modenese un gruppo di nostri paesani andarono a cercare miglior vita in un paese lontano chiamato Cile.

Ulteriori informazioni dell’evento si possono trovare al link https://www.qrz.com/db/II4CPC e nel sito dell’Associazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento