Un manuale per gli insegnanti contro gli stereotipi di genere, Modena nel progetto europeo

“GEN-EDU” ha consentito di realizzare un manuale finalizzato a sconfiggere gli stereotipi di genere presenti nella società, soprattutto a livello di giovanissimi delle scuole. L’iniziativa ha visto la partecipazione anche del CRID Unimore

Un gruppo di ricercatori e ricercatrici Unimore, aderenti al CRID - Centro di Ricerca Interdipartimentale sulle Discriminazioni e la vulnerabilità, ha partecipato nei giorni scorsi a Cipro alla discussione di un manuale finalizzato a sconfiggere gli stereotipi di genere presenti nella società.

Il manuale è uno dei risultati di un progetto europeo GEN-EDU: superare gli stereotipi di genere nell’educazione, nei percorsi formativi e nell’orientamento scolastico” (Bando REC), coordinato per l’Italia dal Centro Documentazione Donna di Modena, convenzionato col CRID, cui hanno collaborato, insieme ad esperti ed esperte, studiosi e studiose delle Università di Nicosia (Cipro), Sibiu (Romania) e Vilnius (Lituania).

Avviato nel 2017, il lavoro dei ricercatori è consistito in attività di formazione e sensibilizzazione realizzate nelle scuole, tra cui quelle modenesi e, nel corso di tre anni scolastici, nello sviluppare il contrasto degli stereotipi di genere nelle scelte formative e professionali dei ragazzi e delle ragazze.

livello modenese durante i tre anni trascorsi il Centro Documentazione Donna ed il gruppo di ricerca Unimore, coordinato dalla dr.ssa SerenaVantin, hanno formato 40 docenti con due corsi di formazione, uno a Modena e uno a Savignano, che hanno poi condotto laboratori nelle loro classi. Coinvolte 2 scuole medie a Modena (6 classi) e 1 a Savignano (3 classi) per un totale di 9 classi e 175 alunni e alunne.

Nell’insieme dei Paesi coinvolti (Italia, Romania, Lituania, Cipro) il progetto ha toccato 220 insegnanti e quasi 700 alunni e alunne.

Le conclusioni e i risultati del progetto sono stati presentati nei giorni scorsi in un meeting dei partner, che si è tenuto a Nicosia (Cipro). In particolare, il lavoro intenso dei mesi scorsi ha portato alla realizzazione di un video gioco (app) “Dream Fighters (scaricabile su Apple Store e Google Play), in cui il giocatore è chiamato a contrastare gli stereotipi di genere attraverso il gioco, e di un manuale didattico “Gen-edu: superare gli stereotipi di genere nell’educazione, nei percorsi formativi e nell’orientamento scolastico per insegnanti e formatori suddiviso in due parti, una pratica (con 18 attività laboratoriali) e una teorica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il manuale che abbiamo discusso nel corso dei lavori – spiega la dr.ssa Serena Vantin intervenuta in rappresentanza del CRID di Unimore - è pensato come uno strumento operativo per affrontare il tema degli stereotipi di genere con modalità interattive (learning by doing) ed affronta quattro aree tematiche: genere e stereotipi di genere; (dis)uguaglianze di genere; genere e mercato del lavoro e l’orientamento e le scelte scolastiche dei/delle giovani. Si tratta di uno strumento di grande originalità su scala internazionale per la realizzazione del quale assai rilevante è stato il contributo delle esperte del Centro Documentazione Donna di Modena, da anni impegnate su queste tematiche, anche nell’ambito di una Convenzione con la nostra Università”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le creme solari pericolose per la salute: 4 sostanze fondamentali

  • Contagio, due nuovi casi a Carpi e Castelvetro. Deceduta una 54enne

  • Covid. In Emilia-Romagna oggi 31 casi e 7 decessi

  • Contagio, nel modenese quattro nuovi casi e un ricovero in Terapia Intensiva

  • Coronavirus, 13 nuovi positivi asintomatici in Regione. Undici i decessi

  • Carpi, da domani attivi i nuovi fotored. Presto altri quattro incroci monitorati

Torna su
ModenaToday è in caricamento