Cultura

"Il Diavolo e L'Acqua Santa", il modenese Marcello Vandelli espone a Spoleto

Lui è il pittore Modenese che i pareri più autorevoli della Critica, all'unanimità, ritengono abbia segnato la Pop Art Italiana. Lei è Antonella Bonaffini, bancaria, giornalista, conosciuta in Italia come la "Pittrice del Buio". Due stili completamente antitetici quelli propostoci, che vedono Marcello Vandelli imporre il suo genio creativo in modo  diretto, senza mediazioni, dando spazio ad un "Io" che anche sul supporto continua a ragionare, la Bonaffini meditare, in un modo molto più romantico, ma che, quasi in punta di piedi, si fa apprezzare.

Nonostante le misure restrittive legate al Covid, da mesi si lavora alla preparazione di un evento che nel caratteristico paese Umbro, vedrà ben sessanta opere, riempire sei maestose sale, in pieno centro storico. La mostra, patrocinata dal Comune di Spoleto e da mesi attesa, siamo certi farà molto discutere per la diversità intrinseca che dislega i due artisti ma che, stranamente, o forse un po' magicamente, trova valida soluzione in una capacità cromatica che conosce pochi uguagli e che, siamo certi, saprà emozionare.

La mostra, curata da Eleonora Tabarelli, aprirà il 25 settembre e sarà presentata dal Critico Umbro Marco Grilli protraendosi sino al 3 di ottobre e scardinando quanto, il momento particolare che stiamo vivendo, ci impone. E noi siamo certi che, ancora una volta, a vincere sarà il colore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il Diavolo e L'Acqua Santa", il modenese Marcello Vandelli espone a Spoleto

ModenaToday è in caricamento