menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Musei Civici online, la programmazione della settimana tra fumetti e meraviglie del passato

La mostra di fumetti “Anni molto animati. Carosello, SuperGulp!, Comix”, la campagna “Io sono Patrimonio dell’Umanità”, "Storie d'Egitto", “Buone Cose. Produttori e Consumatori” e ancora fumetti con "Cattivik": questo il palinsesto settimanale dei Musei Civici online

L’omino coi baffi da Carosello e personaggi dei fumetti, il Duomo e la Ghirlandina, la Terramara e la raccolta egiziana. Prosegue anche nella prima settimana di aprile, ancora contrassegnata dallo slogan #iorestoacasa, la pubblicazione sui social dei Musei civici di Modena (su Facebook e Instagram museicivicimodena) di pillole con filmati e immagini dalle mostre “Anni molto animati, Carosello Supergulp! Comix” e “Storie d’Egitto”, ma anche dal sito Unesco di piazza Grande, e dal Parco archeologico di Montale (www.parcomontale.it e su Facebook parcomontale).

Continua l'iniziativa social con i fumettisti, legata alla mostra “Anni molto animati. Carosello, SuperGulp!, Comix”, dedicata alla cinquantennale storia del fumetto e dell'animazione cittadina. L'esposizione "si mostra" al pubblico attraverso i social. E proprio per sottolineare la centralità degli autori nel percorso espositivo, le cui personalità e modi di essere sono alla base della loro opera, i Musei hanno chiesto loro di offrire un contributo originale, un fumetto che rimanda alla mostra e offre un messaggio consapevole delle difficoltà del momento, tradotto nelle forme del fumetto, dell'animazione e della battuta. Tra le novità della settimana il messaggio personale di Leo Pulp il romantico, detective hollywoodiano degli anni Quaranta, ideato da Massimo Bonfatti con Claudio Nizzi e pubblicato da Sergio Bonelli tra il 2001 e il 2007. All'iniziativa hanno già risposto con entusiasmo molti autori: Bonfa (Massimo Bonfatti), Clod (Claudio Onesti), Buffo (Cesare Buffagni), Michele Bernardi, Andrea Chiesi (fumettista e illustratore a inizio carriera), fino al grande Guido De Maria. A questi si aggiungono virtualmente altri scomparsi protagonisti della "scuola" modenese, come Paul Campani e Secondo Bignardi, che rivivono in un'inedita riproposizione dei loro personaggi. Particolare successo sta registrando, ad esempio, la versione di Clod dell'Omino coi baffi, protagonista della storica pubblicità Bialetti a Carosello. Un modo col quale anche il mondo dell'arte e della creatività, in un momento difficile, ci offre un sorriso.

Mercoledì 1 aprile, invece, i social dei Musei civici mettono online post dedicati al Sito Unesco e al Parco archeologico. Nell’ambito della campagna di sensibilizzazione e condivisione dei valori del Sito “Io sono Patrimonio dell’Umanità”, sono in programma una serie di pillole con video, approfondimenti e curiosità legate alla Ghirlandina, alla cattedrale e alla piazza ripercorrendo a ritroso le tappe più salienti della storia di Modena. Sul sito www.unesco.modena.it un link consente la visita virtuale a Duomo e Torre, mentre una app gratuita permette di scoprire con il proprio iPhone o iPod Touch, il sito Unesco di Modena. Sempre mercoledì 1 aprile sono in pubblicazione post dedicati al Parco archeologico della Terramara di Montale con focus sulle attività sperimentali che vengono di consueto presentate al pubblico nelle giornate di apertura.

Giovedì 2 aprile tornano i fumetti con Cattivik in una versione proposta da Bonfa. Al mito di Diabolik risponde come suo opposto Cattivik, maldestro e grottesco ladro in calzamaglia creato da Bonvi. Esordì nel 1965 sul giornalino studentesco modenese “Look”. Passato dopo una decina d’anni a Silver, alle sue storie hanno collaborato a più riprese Clod (Claudio Onesti), Bonfa (Massimo Bonfatti) che dopo Silver gli ha offerto un’impronta personale, e Buffo (Cesare Buffagni), così da diventare una delle creazioni più rappresentative della scuola modenese del fumetto.

Venerdì 3 aprile sono in calendario video e approfondimenti sulla mostra “Storie d'Egitto” che guidano alla riscoperta della raccolta egiziana dei musei civici. Saranno pubblicati immagini e contenuti finora esclusivamente disponibili nella mostra, al momento non accessibile. Un excursus lungo gli ultimi tre secoli per riscoprire come si è formata la collezione, chi sono i protagonisti del primo allestimento e quali sono state le conseguenze del furto avvenuto al museo nel 1964.

Sabato 4 aprile torna protagonista “Anni molto animati” con Giumbolo, personaggio ideato da De Maria nel 1978 per la storica trasmissione "SuperGulp! I fumetti in tv".

Domenica 5 aprile, il Parco della Terramara propone sulla pagina FB la seconda di due puntate della trasmissione tv di Trc “Buone Cose. Produttori e Consumatori”, curata dal giornalista Stefano Caselli. Un approfondimento accurato sulle tradizioni e la vita che 3.500 anni fa poteva svolgersi nel villaggio di Montale. Tra gli ospiti della puntata, oltre allo staff di archeologi del museo, Anna Maria Mercuri archeobotanica e palinologa di Unimore e Elena Maini, archeozoologa di Unibo, per raccontare ambiente, coltivazioni e allevamento di un remoto passato.

Informazioni online sul sito dei Musei civici (www.museicivici.modena.it).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 1.151 nuovi positivi in regione. Modena prima provincia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento