Cultura

Notte Europea dei Musei: Modena riparte dalla Cultura

Sarà una notte giovane, quella di sabato 15 maggio, perché eccezionalmente limitata dal coprifuoco: ciò nonostante, sono tantissimi gli eventi che animeranno la città con questo "segnale di fiducia e speranza nel futuro"

Spettacoli teatrali, letture, danza, reading itineranti, musica, performance, e installazioni. È ricco il programma della “Notte europea dei Musei” che va in scena, con appuntamenti disseminati in tanti luoghi della cultura cittadini, sabato 15 maggio, dalle 16 alle 22, per rispettare l’orario del coprifuoco e tutte le norme di sicurezza anti Covid-19.

Il Comune di Modena, il mondo della cultura e dello spettacolo, gli istituti culturali cittadini hanno accettato la sfida di essere pronti con proposte diverse per la Notte dei Musei 2021, cominciando a prepararsi con molto anticipo rispetto all’allentamento delle restrizioni dovute alla pandemia. Come commenta, infatti, l’assessore alla Cultura Andrea Bortolamasi “il mondo culturale modenese non si è mai fermato e se oggi possiamo presentare un programma così importante lo dobbiamo proprio a questa vitalità che, nonostante le grandi difficoltà, non è mai venuta meno”.

Il programma delle iniziative è stato presentato questa mattina con una conferenza stampa a Palazzo dei Musei alla quale, insieme all’Assessore Bortolamasi, sono intervenuti Daniele Francesconi, responsabile del progetto culturale Ago Modena Fabbriche Culturali, Paolo Cavicchioli, presidente della Fondazione di Modena, Cristiana Zanasi del Museo civico di Modena.

La Notte dei Musei, ha sottolineato l’assessore nel corso della presentazione, “offre un programma di qualità, che contamina generi e linguaggi diversi: un’offerta per tutte e tutti. Ma è anche una giornata di ripartenza per la città, all’insegna delle attività culturali, e un segnale di speranza e di fiducia per il futuro”.

Anche Daniele Francesconi ha messo in evidenza “il segnale importante per il riavvio della partecipazione culturale in presenza e in sicurezza. È significativo – ha aggiunto – che combini arti performative e patrimonio museale, cioè incontri dal vivo e memoria culturale, indispensabile per proiettarsi nel futuro. La Notte dei musei, con il suo carattere corale, cui non manca di dare il suo contributo anche Ago, restituisce l'immagine di una città impegnata a somministrare il farmaco della conoscenza”.

Paolo Cavicchioli ha sottolineato come la Notte dei Musei sia “un’opportunità per tornare ad ammirare dal vivo e di sera gli straordinari tesori custoditi dalle nostre istituzioni culturali. Ma è soprattutto l’occasione per riflettere sul significato di un evento che quest’anno, ancora più che in passato, ci ricorda due cose fondamentali: l’appartenenza dell’Italia alla casa comune europea e il valore strategico della cultura per il futuro del nostro Paese”.

La Notte dei Musei va in scena a Palazzo dei Musei, con le Gallerie Estensi, il Museo civico, l’Archivio storico comunale, i Lapidari e il consorzio Festivalfilosofia, ad Ago e nella chiesa di Sant’Agostino, alla Fondazione Modena Arti Visive. Ma anche alla biblioteca Delfini, al Collegio San Carlo e al Planetario, all’Istituto musicale Vecchi-Tonelli, al complesso del San Paolo, al MEF Museo Enzo Ferrari. E poi, ancora, all’Accademia di scienze, lettere e arti, al Baluardo, alla Sala Truffaut e al Consorzio creativo. I luoghi non sono solo la cornice, ma dialogano creativamente con le proposte culturali delle compagnie teatrali, Cajka Teatro, Drama Teatro, Sted teatro e danza, Teatro dei Venti e Crono Eventi, dei danzatori e dei musicisti, ma anche di guide e di esperti divulgatori.

Il programma degli eventi, pubblicato nel dettaglio sul sito del Comune (www.comune.modena.it) con le istruzioni per le prenotazioni e l’accesso, si apre con l’inaugurazione della mostra “Primordi. La riscoperta del Paleolitico francese del Museo civico di Modena”.

Nei diversi appuntamenti, si dà voce alle quattro virtù cardinali (con il Polittico della felicità), ai testi della tradizione filosofica, al cielo stellato della Divina Commedia, a Giuda Iscariota. La danza dà corpo alla rigenerazione urbana al San Paolo e ai Medicamenti ad Ago, la musica dei giovani talenti modenesi animerà la chiesa del Voto, mentre il chiostro della biblioteca Delfini ospiterà la letteratura umoristica e le “bagatelle radiofoniche”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Notte Europea dei Musei: Modena riparte dalla Cultura

ModenaToday è in caricamento