Odio online e Cyberbullismo: CRID e Liceo Muratori - San Carlo uniti per le attività di contrasto

Si intensificano nel mondo della scuola le attività di contrasto dei fenomeni legati all’odio online. Liceo Muratori – San Carlo di Modena e il CRID uniti per la prevenzione dell'odio e del cyberbullismo

Il tema dell’odio online e del cyberbullismo, che ormai affligge la dimensione comunicativa di tanti giovani adolescenti, entra di prepotenza nel mondo della scuola.

Il Liceo Muratori San Carlo di Modena in collaborazione con il Dipartimento di Giurisprudenza Unimore, in particolare mediante il CRID - Centro Interdipartimentale di Ricerca su Discriminazioni e vulnerabilità hanno deciso di avviare un’esperienza pilota per la realizzazione di un progetto di ricerca istituzionale sui profili di vulnerabilità che coinvolgono le giovani generazioni, nelle forme delle discriminazioni, anche online (ad es. cyberbullismo), basate su stereotipi di genere o di tipo razzista, sull’orientamento sessuale, sulla disabilità, sulla confessione religiosa.

L’obiettivo è quello di incrementare le attività di contrasto di questi fenomeni intraprese negli anni dall’istituto scolastico modenese.

L’accordo mira ad approfondimenti finalizzati alla comprensione e individuazione di questi fenomeni di violenza, promuovendo – altresì - valori e pratiche di rispetto reciproco, entro una prospettiva di cittadinanza attiva e responsabile.

Nel periodo di validità dell’accordo le parti si impegnano a perseguire un programma di ricerca dal titolo “La comunicazione in rete: profili di vulnerabilità, pericoli e reati”, affidato alla direzione scientifica del prof. Gianfrancesco Zanetti per Unimore e della prof.ssa Titti Di Marco per il Liceo Muratori - San Carlo.

Il nostro Dipartimento e i suoi docenti hanno sempre creduto fortemente negli obiettivi di ricerca del CRID” - ha dichiarato il Prof. Carmelo Elio Tavilla, Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza di Unimore -. Odio e violenza, anche quando esercitati in rete, non possono essere trattati solo con il diritto in funzione repressiva, ma occorrono anche e soprattutto altri e diversificati strumenti di prevenzione e di intercettazione, che rendono necessaria una forte interdisciplinarietà culturale e professionale negli operatori”.

Le nuove tecnologie - afferma il Prof. Gianfrancesco Zanetti, Direttore del CRID di Unimore - comportano molteplici opportunità e altrettanti rischi, soprattutto per le giovani generazioni, oramai permanentemente connesse. La mediazione degli strumenti informatici e l’asincronicità delle comunicazioni immateriali agevolano la deresponsabilizzazione e la mancanza di percezione della gravità delle pratiche di odio e di violenza online, creando nuove vulnerabilità e potenziando quelle preesistenti. Il progetto che abbiamo elaborato metterà a disposizione, insieme ad una ricerca su campo sui comportamenti on line di un numero significativo di giovani del territorio modenese, strumenti concreti per accrescere la consapevolezza su tali profili e per contribuire al loro contrasto. Come CRID siamo lieti di sviluppare questo percorso con il mondo della scuola perseguendo, in tal modo, anche quella funzione sociale dell’Università in raccordo con la comunità che costituisce una delle sfide più rilevanti per il mondo accademico”.

In particolare, la convenzione prevede che il CRID intervenga sulla base di progetti di comune interesse nella realizzazione di incontri di approfondimento aventi come fine la messa a fuoco di problematiche connesse alla vulnerabilità e di percorsi, anche in forma laboratoriale, per la promozione di competenze trasversali su aspetti specifici della vulnerabilità, quali l’odio online, le molestie in rete, il cyberbullismo, l’intolleranza e la xenofobia; la partecipazione a comitati scientifici per la costruzione di strumenti di indagine in alcuni particolari settori (associazionismo giovanile, sport, ambienti ricreativi ecc.); il sostegno ad interventi mirati allo sviluppo della cultura di genere, del contrasto ai comportamenti devianti e della promozione dei valori della tolleranza e del rispetto delle diversità; a realizzare attività congiunte, anche di orientamento, in partenariato a progetti locali, relativamente a temi di comune interesse e a promuovere, attraverso specifiche iniziative, la diffusione delle esperienze educative e formative, sostenendo a livello scolastico la disseminazione di buone pratiche sui temi di genere, di contrasto ad ogni forma di discriminazione e di bullismo.

Un primo percorso affronterà, anche da un punto di vista tecnico-informatico, la questione della prevenzione all'odio online e del cyberbullismo e vedrà come docenti il dott. Gianluigi Fioriglio e il dott. Michele Ferrazzano, componenti dell’Officina informatica del CRID di Unimore.

Già dalle prossime settimane prenderanno corpo, inoltre, due percorsi di alternanza scuola/lavoro e orientamento, che rimandano anche alle attività dell'Osservatorio sulle migrazioni istituto presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Ateneo sempre su iniziativa del CRID, di cui sono referenti la dott.ssa Serena Vantin ed il dott. Francesco De Vanna entrambi del Centro Documentazione del CRID di Unimore. Infine, sempre, nell’ambito dei PCTO, è previsto un modulo che affronterà il tema dei pericoli e delle potenzialità della rete in una prospettiva europea, con riferimento alla difficoltà di distinguere il vero dal falso, il reale dal virtuale, al tema della proprietà intellettuale, minacciata dalla difficoltà di distinguere, in rete, il lettore dal produttore, al copyright e ai diritti d’autore.

Per informazioni sulle attività per le scuole dell’Officina informatica DET del CRID: segreteria.crid@unimore.it

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1.413 contagi in regione. A Modena i numeri raddoppiano

  • Coronavirus. 1.212 nuovi positivi e 14 decessi in regione. Modena prima provincia

  • Boom di casi positivi oggi a Modena: 293 in più. Tre i decessi

  • Contagi, altri 283 casi in provincia di Modena. Tre donne decedute

  • Covid, ben 365 nuovi casi a Modena. I ricoveri sono una trentina

  • Covid, 280 casi nel modenese. Nelle ultime ore ben 26 ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento