rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cultura

“In my shoes” il percorso teatrale a partecipazione multietnica a Porta Aperta

La compagnia Peso Specifico apre un percorso teatrale per promuovere e realizzare l'integrazione tra giovani migranti non accompagnati e cittadinanza modenese

La compagnia Peso Specifico apre un percorso teatrale per promuovere e realizzare l'integrazione tra giovani migranti non accompagnati e cittadinanza modenese.

Il laboratorio che rientra nel progetto WelcHome, coordinato dall’associazione Porta Aperta e in collaborazione con Fami F@ster, si svolgerà presso la sua sede - in strada San Cataldo a Modena - a partire dal 3 maggio 2022, ore 16 -19, per un totale di 10 incontri e si concluderà con la realizzazione di una performance finale aperta al pubblico.

Il progetto si pone l'obiettivo di migliorare l'integrazione, la relazione e la convivenza di una comunità multietnica, attraverso una maggiore consapevolezza individuale e sociale, approfondendo nella ricerca umana, il rapporto tra dimensione emotiva, cognitiva, immaginativa e corporea.

L'espressione inglese “in my shoes” può essere tradotta con quella italiana “nei miei panni”. A partire da questo concetto, il laboratorio verterà su di una ricerca prima di tutto autobiografica, successivamente traslata in linguaggio teatrale. Condividere il proprio viaggio e le proprie emozioni, infatti, apre ad una conoscenza profonda di Sè e dell'Altro, priva di giudizi e pregiudizi. Il lavoro si prefigge, dunque, di creare un gruppo di persone che possano interagire in piena libertà di espressione e condividere la propria esperienza, favorendo la possibilità di instaurare nuovi rapporti e di conoscere culture differenti.

WelcHome è un progetto di accoglienza in famiglia e non solo, di Minori Stranieri Non Accompagnati e minori richiedenti asilo sul territorio modenese, promosso dal Comune di Modena e dall’associazionismo locale, coordinato da Porta Aperta, con il contributo di Fondazione di Modena. WelcHome consente a questi giovani, in una fase delicatissima della loro vita, di recuperare una dimensione di affettività familiare che favorisca l’apprendimento della lingua italiana, il completamento degli studi e l’acquisizione di competenze professionali. L’esperienza di ospitalità è finalizzata all’autonomia del giovane e alla sua inclusione sociale e può avvenire in diverse forme e modalità da concordare con i referenti del progetto.

Gli incontri si terranno a scadenza settimanale nel giardino di Porta Aperta; strada Cimitero San Cataldo, 117 - Modena

La partecipazione è gratuita.

Numero massimo partecipanti: 20

Il progetto è promosso dal Comune di Modena con il contributo di Fondazione Modena

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“In my shoes” il percorso teatrale a partecipazione multietnica a Porta Aperta

ModenaToday è in caricamento