Premio Rete Critica 2019: Vince il Teatro dei Venti con “Moby Dick”

Nella categoria progettualità/organizzazione la compagnia si aggiudica il primo premio. Moby Dick in Finale anche ai Premi Ubu, nella categoria “Miglior Scenografia”

E’ il Teatro dei Venti a vincere il Premio Rete Critica 2019, nella categoria “progettualità/organizzazione”, con lo spettacolo “Moby Dick”.

Le premiazioni si sono tenute lo scorso sabato 7 dicembre presso il Teatro Verdi di Padova, in un evento organizzato dal Teatro Stabile del Veneto e dalla Rete di siti, blog e testate web che hanno aderito alle votazioni.

 “Una piccola compagnia teatrale, attiva alla periferia di Modena –spiega la giuria del concorso- decide di affrontare una delle crisi che incontra inevitabilmente qualunque percorso artistico rilanciando con un progetto complesso, ambizioso, utopico: un grande spettacolo di piazza ispirato al Moby Dick di Hermann Melville, centrata sulla imponente scenografia mobile immaginata da Dino Serra e affidata alla cura progettuale di Massimo Zanelli. Nasce così una imponente nave che diventa la terribile balena bianca, animata da decine di attori-danzatori-acrobati-musicisti, con il coinvolgimento anche dei “non-attori” con cui lavora abitualmente la compagnia: detenuti, immigrati, bambini. Nel corso di quattro anni, superando complessità economiche, realizzative, logistiche, nasce una coproduzione internazionale che porta il Moby Dick del Teatro dei Venti in una lunga e prestigiosa tournée. Il progetto coniuga creatività artistica e organizzativa con modalità inedite per l’Italia e che possono costituire un interessante modello produttivo”.

Lo spettacolo

Lo spettacolo porta in piazza la nave del capitano Achab e la sua ossessione per la Balena Bianca, con una grande macchina teatrale e un cast di 20 artisti, tra attori, musicisti, acrobati e macchinisti. Moby Dick si adatta ai luoghi che attraversa, con la possibilità di entrare in relazione con realtà artistiche e socio-culturali dei territori.

Al debutto di Modena ha coinvolto 80 bambini di alcune scuole elementari cittadine, 12 detenuti e internati del carcere di Modena e Castelfranco Emilia, un gruppo di richiedenti asilo.

Una produzione Teatro dei Venti, in co-produzione con Klaipeda Sea Festival (Lituania), realizzata con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Modena, della Fondazione di Modena, con il contributo del Comune di Dolo (VE) in collaborazione con l'Associazione Echidna.

La compagnia è in Finale anche ai Premi Ubu, ancora con “Moby Dick”, nella categoria “Miglior Scenografia”, per l'allestimento scenico ideato da Stefano Tè e Dino Serra, progettato e costruito dallo stesso Serra e da Massimo Zanelli.

La premiazione si terrà lunedì 16 dicembre a partire dalle ore 20.30 presso il Piccolo Teatro di Milano (Sala Melato, via Rivoli 6), con ingresso libero fino a esaurimento posti; l'evento sarà trasmesso in diretta nel corso della trasmissione Radio 3 Suite. Un punto d'ascolto sarà allestito presso il Teatro dei Segni di Modena (Via San Giovanni Bosco, 150), con ingresso libero fino ad esaurimento posti.

La tournée

Dall'1 all'11 aprile lo spettacolo farà tappa a Bogotà, in Colombia, nell'ambito del Festival Iberoamericano presso la Plaza de Toros La Santa Maria. Anche in questo caso sarà coinvolto il territorio tramite laboratori avviati dieci giorni prima e condotti dal regista Stefano Tè e da alcuni attori della compagnia. Presenti in scena cento bambini dei quartieri poveri e venti rifugiati. Due repliche saranno riservate ad associazioni e strutture che lavorano con bambini delle periferie, con i senzatetto e con i rifugiati interni vittime della guerriglia e dei paramilitari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le altre tappe tra il 2020 e il 2021: dopo Bogotà lo spettacolo sarà a Sibiu - Sibest-Sibiu International Theatre Festival (Romania), Sarajevo - Mess Festival (Bosnia Erzegovina), Pula - PUF Festival (Croazia). In via di definizione Sebenico (Croazia), Londra (Inghilterra), Watford (Inghilterra), Zacatecas - Festival Internacional de Teatro de Calle (Messico), Varsavia - Sztuka Ulicy Street Art Festival (Polonia), Deventer Op Stelten (Olanda), Teheran - Fadjr International Theatre Festival (Iran), Uijeongbu - UMTF  Music Theatre Festival  (Corea del Sud), Brisbane Festival (Australia). Info e aggiornamenti su sito mobydick.theater

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Modena usano... il freddo!

  • Festa de L'Unità, prime anticipazioni sugli spettacoli di Ponte Alto

  • Coronavirus, individuati 56 nuovi casi positivi. Due i decessi

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento