Sviluppo sostenibile, ad una studentessa Unimore il Premio Socialis 2019

Il Premio Socialis 2019 per tesi di laurea sulla CSR e lo sviluppo sostenibile è stato assegnato a Federica Piccolo, del Corso di laurea magistrale in Ingegneria per la Sostenibilità Ambientale presso l'Università di Modena e Reggio-Emilia, che ha presentato la tesi dal titolo “Biochar: Valorizzazione nei geopolimeri" (Relatore: Prof.ssa Isabella Lancellotti). Il progetto analizza il processo di realizzazione di materiali edilizi eco-sostenibili, il quali potrebbe rappresentare una possibilità di riduzione dell'inquinamento in aria, oltre che una migliore gestione dei materiali di scarto.

La cerimonia si è svolta a Roma al MACRO Asilo – Main sponsor ACEA – con il patrocinio di Ministero dell’Ambiente, Tutela del Territorio e Mare; Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali; Roma Capitale; Commissione europea – Rappresentanza in Italia; ACRI; ADI – Associazione per il Disegno Industriale; AIDP – Lazio; Anima Impresa; Anima per il Sociale; Assifero; ASSOSEF – Associazione Europea Sostenibilità e Servizi Finanziari; ASviS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile; CITTADELLARTE – Fondazione Pistoletto Onlus; Fondazione Moleskine; Fondazione PRIORITALIA; RAI – Responsabilità sociale.

Il Premio Socialis è un’occasione concreta per giovani talenti – spiega Roberto Orsi, Presidente di Errepi Comunicazione e Direttore dell’Osservatorio Socialis - che possono portare il loro contributo ad un nuovo modo di intendere il lavoro, dove l’attività di CSR sarà  sempre più integrata nella gestione aziendale”.

Nel corso dell'evento è stato lanciato il CSR Check: un marchio di responsabilità sociale – secondo 6 nuovi macro-indicatori – emesso dall’Osservatorio Socialis, il cantiere di promozione della CSR con sede a Roma, per far riconoscere il valore e la ricaduta delle azioni di aziende e organizzazioni: esigenza segnalata dal 52% delle imprese italiane intervistate (VIII Rapporto sull’impegno sociale delle aziende in Italia, Osservatorio Socialis/Istituto Ixè, 2018).

Il Premio Socialis è il primo riconoscimento in Italia a valorizzare i laureati e futuri manager della Responsabilità sociale d’impresa, una specializzazione apprezzata oggi dal 75% delle aziende nazionali che dichiarano di investire in uno sviluppo responsabile (VIII Rapporto sull’impegno sociale delle aziende in Italia, Osservatorio Socialis/Istituto Ixè, 2018).

I DATI 2003-2019 DELLE TESI A CONCORSO

In 17 anni di premio sono pervenute 886 tesi di laurea da 72 atenei, per il 40% del Centro Italia, seguito dal 25% del Nord Est e dal 22% del Nord Ovest; per il 18% dal Sud e per il 5% dalle Isole.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Economia è la facoltà più rappresentata (45% delle tesi) insieme a Scienze sociali/Politiche (30%). Seguono Lettere e Filosofia (8%), Ingegneria (6%), Giurisprudenza (5%), Architettura (3%) e altre discipline (Scienze motorie, Scienze gastronomiche, Design, Statistica, Agraria, Scienze naturali, 3%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Contagio, 12 casi nel modenese. Nessun rientro dall'estero

  • Investe un ciclista e fugge, caccia ad un'auto-pirata a Vignola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento