menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arte: il professor Cataldo del Venturi tra i vincitori del Premio Sulmona con un'opera ispirata a Lucio Dalla

La sua opera, intitolata "La terza luna" ha ricevuto il Premio Artista Giovane nell'ambito dello storico "Premio Città di Sulmona" presieduto da Vittorio Sgarbi

L'artista Diego Cataldo, docente di Pittura presso il Liceo Artistico Venturi di Modena, con l'opera “La terza Luna”, ispirata ad una canzone di Lucio Dalla, ha ricevuto il “Premio Artista Giovane” nell'ambito dello storico Premio Città di Sulmona (AQ) giunto alla sua 47esima edizione.

Il critico d'arte Enzo Le Pera, facente parte di una qualificata giuria presieduta da Vittorio Sgarbi, in un passaggio sul catalogo della mostra presenta l'opera di Cataldo riassumendo anche i diversi lavori dell'artista: “Diego Cataldo ha effettuato il passo dalla pittura iconica alla pittura aniconica. Evidentemente forte ha avvertito il bisogno di non essere costretto a un soggetto, a una rappresentazione, per quanto libera, di un déjà vu, ma di operare sul segno e sulla scelta dei materiali. Il verde è il colore della vegetazione, della natura, della rinascita primaverile e della vita stessa, ed ecco il suo transit on green.”

E così anche nell'opera “La Terza Luna” nasce quel rapporto profondo tra la musica e la pittura che il cantautore emiliano, scomparso qualche anno prima, ha sempre suscitato nell'artista calabrese. Sono momenti di assoluta riflessione anche in termini di ricerca, il riscoprire materiali in disuso e restituirli "impreziositi" e carichi di significato, come se da una vecchia stoffa destinata all'oblio dovesse rinascere qualcosa che racconti un momento, una storia. E' una decontestualizzazione forzata che assume anche per via dell'imponente grandezza una valenza materica oltre che espressiva. La foglia oro incornicia un mondo che non esiste, ci sono "3 luci" che richiamano a 3 lune, di cui una (la terza, posta al centro) molto grande che è presagio di un qualcosa che sta per accadere e che con la forza attrattiva e ammaliante della foglia oro suscita nell'artista la bellezza e la dannazione che sono le caratteristiche della Luna, posta in un parallelismo con la storia profonda e antica delle terre del sud.

E' nell'omonima canzone che l'opera trova tutte le risposte, "uscirono tutti per guardarla" (L'attrazione)...."era così grande che più di uno pensò al Padre Eterno" (una Luna che si ammira e che custodisce segreti profondi e antichi quanto il mondo)... - il finale anche se l'opera è di qualche anno fa è molto attuale...- "sospesero i giochi e si spensero le luci Cominciò l'inferno, La gente corse a casa perché quella notte ritornò l'inverno". Lo stupore e la reazione in un una luna che crea disarmonia ma che mette d'accordo tutti sulla riflessione di un mondo tutto da reinventare, in bilico tra ciò che vorremmo e che forse non esiste e il baratro.

Diego Cataldo è un artista contemporaneo con all'attivo diverse mostre sia personali che collettive ed ha ricevuto diversi riconoscimenti tra cui il Premio Internazionale Limen Arte, il Premio della Critica alla biennale di Arte Contemporanea Anagni – Alatri e Frosinone, e altri ancora. Di lui hanno scritto diverse testate giornalistiche ed è presente su numerose pubblicazioni, le sue opere sono in collezioni pubbliche e private. image-28-11-20-04-39 (1)-2Attualmente è Docente di Pittura presso il Liceo Artistico “A.Venturi” di Modena.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento