rotate-mobile
Cultura Pavullo nel Frignano

Qual'è il miglior biscotto del Frignano? ecco i risultati della gara

I biscotti in concorso sono stati realizzati dagli allievi della Scuola Alberghiera e di Ristorazione di Serramazzoni, gestita dallo Ial Emilia-Romagna

Sono Nicolle Dahianna Velasquez Blandon con Giorgia Rinaldini e Isabella Serradimigni con Felix Gurraj i vincitori del concorso per il miglior biscotto del Frignano, che si è tenuto nei giorni scorsi a Pavullo nell’ambito di EquoFrignano.

ISCRIVITI AL CANALE WHATSAPP DI MODENATODAY

L’iniziativa è stata promossa dalla cooperativa sociale di comunità Frignano Vivo (aderente a Confcooperative Terre d’Emilia) in vista dell’avvio di un laboratorio di prodotti da forno in un Comune dell’Alto Frignano. Al momento la cooperativa sta completando lo studio di fattibilità, cofinanziato dal Gal Antico Frignano e Appennino Reggiano.

I biscotti in concorso sono stati realizzati dagli allievi della Scuola Alberghiera e di Ristorazione di Serramazzoni, gestita dallo Ial Emilia-Romagna.

Suddivisi in sei coppie, I ragazzi hanno ideato le ricette e usato ingredienti prevalentemente locali, come farina di castagne e frutti di bosco. I prodotti sono stati giudicati da una giuria popolare che ha compilato complessivamente 184 schede di valutazione.

Il biscotto vincitore nella categoria “rigeneriAMO la tradizione”, ideato da Nicolle Dahianna Velasquez Blandon con Giorgia Rinaldini, battezzato “Pink Lady”, valorizza le farine di grani antichi e il lampone.

Nella categoria “un biscotto per te”, invece, ha vinto il “Quadrotto al Nocino”, realizzato da Isabella Serradimigni con Felix Gurraj e creato pensando anche ai celiaci.

«Gli allievi della Scuola Alberghiera di Serramazzoni si sono impegnati molto e per questo li ringraziamo – commenta Emanuela Vanda, socia di Frignano Vivo –

Le loro ricette saranno di stimolo per ideare la nostra futura linea di biscotti».

"Siamo stati onorati di questa opportunità – dichiara la direttrice della Scuola Alberghiera di Serramazzoni Giovanna Cammelli – Per i nostri allievi è sempre stimolante partecipare a concorsi e sottoporsi al giudizio del pubblico"

Il premio per i quattro allievi vincitori sarà una cena al ristorante Patrizia di Modena, aperto dall’ex allievo della Scuola Alberghiera di Serramazzoni Tommaso Zoboli, vincitore nel 2021 del titolo di miglior chef under 30 d'Italia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Qual'è il miglior biscotto del Frignano? ecco i risultati della gara

ModenaToday è in caricamento