menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Serramazzoni, dal 24 aprile parte l'iniziativa "Niente di Nuovo", il Mercatino del Riuso

Interessante iniziativa a Serramazzoni per educare al riciclo e a evitare gli sprechi col Mercatino del Riuso. Maria Chiara Venturelli, Assessore al commercio: "Questa iniziativa ha la finalità di  sensibilizzare i cittadini verso un consumo più consapevole riducendo gli sprechi"

A partire da domenica prossima 24 aprile e per tutte le quarte domeniche di maggio, giugno, luglio e agosto, Serramazzoni proporrà in piazza Tasso dalle 8 alle 19, il Mercatino del Riuso, ribattezzato “Niente di Nuovo”. Un’occasione per portare ciò che non serve o che non piace più ma che invece può essere utile e apprezzato ad altri.  Per partecipare occorre presentare domanda utilizzando il modulo presente sul sito istituzionale del Comune di Serramazzoni.

"Questa iniziativa - sottolinea l’Assessore al commercio Maria Chiara Venturelli - ha la finalità di  sensibilizzare i cittadini verso un consumo più consapevole riducendo gli sprechi; di promuovere soluzioni per orientare le scelte dei consumatori verso prodotti e servizi che generano meno rifiuti; assegnare un ruolo fondamentale nell'ambito della prevenzione nella gestione dei rifiuti al riutilizzo; promuovere una coscienza ambientale che favorisca il riuso degli oggetti usati e inutilizzati per ridurre i materiali da smaltire e, inoltre, di valorizzare la filiera di recupero. Ampliare infatti, grazie al riutilizzo, la durata di vita dei prodotti, contribuisce alla conservazione delle risorse, sia materiali sia energetiche, e a ottenere una significativa riduzione dei rifiuti evitandone l'accumulo. Vogliamo anche promuovere una cultura del riuso basata sui principi di solidarietà sociale, a favore di chi ha ridotte disponibilità economiche, oltre che favorire occasioni di socializzazione per la comunità, creando momenti di animazione e valorizzazione del territorio, promuovendo nello stresso tempo azioni di valorizzazione delle attività commerciali che hanno sede  fissa”.

La partecipazione è riservata a privati, maggiorenni, o alle associazioni senza fini di lucro, regolarmente costituite, che scambiano o vendono occasionale beni di proprietà usati, che sarebbero destinati alla dismissione o allo smaltimento. Gli spazi destinati al mercatino, coincidono con i posteggi del mercato settimanale e saranno assegnati d’ufficio in base alle richieste di partecipazione, secondo l’ordine cronologico.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 1.151 nuovi positivi in regione. Modena prima provincia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento